Venerdì, 03 dicembre 2021 - ore 13.33

CNSU 2013, la vittoria va alla sinistra, UDU prima lista a livello nazionale | Alessandro Lucia

| Scritto da Redazione
CNSU 2013, la vittoria va alla sinistra, UDU prima lista a livello nazionale | Alessandro Lucia

Sono dati ancora ufficiosi, ma piuttosto indicativi del risultato. Il Consiglio Nazionale degli Studenti Unviersitari ha decisamente virato a sinistra. Il CNSU, organo di rappresentanza formato da 28 studenti, un dottorando e uno specializzando, vedeva prima di queste elezioni una salda maggioranza di centro-destra, formata dal "Coordinamento delle Liste per il Diritto allo Studio" (Clds), vicina a Comunione e Liberazione più Azione Universitaria/Studenti per le Libertà, vicina al Pdl.

Questa tornata elettorale, segnata da un netto calo delle liste di CL e Pdl, ha visto un exploit della lista liberale UniLab-Confederazione, che elegge tre consiglieri, di cui due al nord ovest, grazie al successo nelle università private, e della lista indipendente di sinistra Link, che si è candidata a sorpresa (viene infatti da una tradizione che rifiuta la rappresentanza in Cnsu) ed elegge quattro consiglieri, strappandone uno per 17 voti a Clds nel feudo del Nord Ovest.

Ma la vera vincitrice di queste elezioni è la lista UDU - Rete Universitaria Nazionale - Liste Indipendenti, che con 9 seggi e più di 43.000 voti risulta essere prima lista a livello nazionale. La sinistra quindi, se saprà mostrarsi unita all'interno dell'organo (e ci auspichiamo lo sia, vista l'enorme possibilità di strappare di mano alle destre il controllo sul Cnsu) avrà 14 rappresentanti (9 Udu, 4 Link, 1 Run) su 28, più il rappresentante dei dottorandi che secondo indiscrezioni dovrebbe essere Montalbano, avrebbe la maggioranza di 15 su 30, sufficiente per eleggere il presidente dell'organo (presidente che è stato ad appannaggio di Clds negli ultimi due mandati.

Il Consiglio si prospetta dunque così formato, per la componente studentesca (28 consiglieri):

9 seggi all'UDU, 4 a Link, 1 Run, 6 Azione+Studenti per le Libertà, 5 CLDS (Lista Aperta, Comunione e Liberazione), 3 UniLab-Confederazione, mentre ancora devono essere ufficializzati i dati del rappresentante dei dottorandi e quello degli specializzandi.

Risultano eletti per l'UDU Massimiliano Morato (Brescia), David Rossi (Politecnico Milano), Ester Peruffo (Padova), Tommaso Alabardi (Macerata), Elena Lorenzi (Bologna), Andrea Fiorini (L'Aquila), Pierdanilo Melandro (Roma Tre), Salvo Di Chiara (Palermo) e Antonio Santoro (Salerno).

Per Link Erica Garrone (Torino) che soffia il seggio a Clds per una manciata di voti, Caterina Chiocchetta (Padova), Fabio Cacciapuoti (Pisa) e Luca Santolamazza (Roma).

La Run elegge al sud Salvatore Iacono (Palermo)

Clds elegge Lorenzo Roesel (Statale Milano), Francesco Castelli (Cattolica), Lorenzo Amico (Ancona), Stefano Bucchi (Bologna) e Andrea Mattone (Roma Tre).

Confederazione-UniLab porta il primo bocconiano nella storia del Cnsu, Angelo Antinoro insieme a Vincenzo Giannico del Politecnico di Milano al Nord Ovest, al sud elegge Francesco Testa (Federico II Napoli).

Azione Universitaria/Studenti per le Libertà: Raffaele Freda (Padova), Giuseppe Romeo (Lumsa), Diana Fabrizi (Roma Tre) e Nicola Minerva (Bari).

 

Alessandro Lucia

2520 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria