Lunedì, 23 settembre 2019 - ore 05.15

Del crollo del ponte di Genova si parlerà a lungo di Elia Sciacca (Cremona)

I periti nominati impiegheranno molti mesi, per relazionare sulla dinamica e le cause del disastro per avere un quadro concreto sulle varie responsabilità, sulle quali cui il giudice emetterà una prima sentenza....

| Scritto da Redazione
Del crollo del ponte di Genova si parlerà a lungo di Elia Sciacca (Cremona)

Del crollo del ponte di Genova si parlerà a lungo di Elia Sciacca (Cremona)

I periti nominati impiegheranno molti mesi, per relazionare sulla dinamica e le cause del disastro per avere un quadro concreto sulle varie responsabilità, sulle quali cui il giudice emetterà una prima sentenza, nel frattempo Genova sarà per molti mesi isolata dalle principali via di comunicazione, autostrade comprese. con un danno incalcolabile per il porto movimento merci, container le aziende locali e le attività commerciali presenti sul territorio.

Egregio direttore, per il crollo del ponte di Genova si parlerà a lungo, come di consueto le autorità ripetono sempre la stessa collaudata litania “dopo questa immane tragedia faremo in modo che un disastro simile non possa mai più accadere nel nostro paese” ma nella realtà le tragedie si ripetono ciclicamente per mancanza di controllo accurato alle infrastrutture, alla scarsa manutenzione, all’impiego di materiali scadenti ecc, dopodiché alla successiva tragedia assistiamo increduli al ripetersi della stessa litania super collaudata degli impegni, delle promesse di colpire e punire i colpevoli con i soliti bla bla.

Nel frattempo, la procura indagherà per omicidio colposo plurimo e altri capi di accusa, sottoponendo l’area a sequestro, ed affidando come di consueto da parte del giudice l’incarico ad un CTU, Consulente tecnico d’ufficio, mentre Autostrade e le varie ditte eventualmente incriminate si avvarranno di un CTP, Consulente Tecnico di Parte. Autostrade ha dichiarato che ricostruirà il ponte in 5 mesi " le solite sparate Italiche" il governo vuole togliere la concessione ad autostrade, ma presumo che senza una sentenza della magistratura, autostrada farebbe sicuramente ricorso e potrebbe incassare un mare di soldi di risarcimento, nel caso non si potesse imputare ad essa la responsabilità per l’immane tragedia, e se poi includiamo la penale, prevista dal contratto di concessione, in caso di revoca con motivazione non contemplata dal contratto, stesso lo stato potrebbe essere chiamato a pagare una ventina di miliardi di Euro, di risarcimento, pertanto mi auguro che il governo rifletta maggiormente prima di intraprendere iniziative frettolose, dettate più dall’emotività che da un’analisi seria e ponderata sull’accaduto. Purtroppo, anche se la campagna elettorale dovrebbe essere terminata da mesi, la propaganda politica, nonostante le decine di morti, continua incessantemente in modo talvolta squallido.

Elia Sciacca (Cremona)

725 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online