Martedì, 22 settembre 2020 - ore 19.56

Ecco come si producono prosciutti Provocatoria installazione di Essere Animali a Bologna

“Così si produce il prosciutto” - Provocatoria installazione di Essere Animali a Bologna in occasione del World Vegan Day, la giornata celebrata il primo novembre in tutto il mondo per promuovere la scelta vegan.

| Scritto da Redazione
Ecco come si producono prosciutti Provocatoria installazione di Essere Animali a Bologna

Davanti alle Due Torri l'associazione ha puntato i riflettori sulla condizione degli animali negli allevamenti intensivi simulando, con un grande pannello fotografico e la riproduzione di una 'gabbia di contenzione', il trattamento subito da 500 mila scrofe rinchiuse negli allevamenti intensivi italiani.

"Questi animali estremamente intelligenti sono costretti a vivere gran parte della loro vita in gabbie dove non possono neanche girare su se stessi. Sono loro a pagare il prezzo più alto per la produzione della carne", dichiara l'associazione.

L'immagine, che riproduce a grandezza naturale alcune scrofe, è una fotografia scattata di recente dal team investigativo di Essere Animali in un allevamento intensivo di maiali situato in Emilia Romagna.

L'associazione è nota per le indagini in allevamenti e macelli nostrani, condotte per documentare le condizioni degli animali e sensibilizzare l'opinione pubblica sulle motivazioni della scelta vegan, estendendo la riflessione anche alla produzione dei derivati, come il latte e le uova.

"Il trattamento è lo stesso: gabbie e capannoni sovraffollati. 600 milioni di animali sono allevati ogni anno in Italia in sistemi intensivi. E se è vero che negli allevamenti biologici vi sono alcuni miglioramenti, è vero anche che la destinazione finale per tutti è il macello. La sofferenza e la paura di questi animali sono simili alle nostre", sostiene Essere Animali, che per il World Vegan Day lancia l'hastag #IoScelgoVeg.

"L'alimentazione vegan è gustosa, salutare e oltre ad essere una scelta non violenta verso gli animali, è anche quella più sostenibile in termini di impatto ambientale. Nel 2050 saremo nove miliardi di persone ed è necessario ripensare le nostre abitudini, anche organizzazioni come la FAO invitano a scegliere un'alimentazione vegetale per ridurre l'inquinamento sul pianeta", conclude l'associazione.

689 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online