Giovedì, 25 febbraio 2021 - ore 03.20

Il libro di oggi si intitola 'Testa alta, due piedi | Giorgio Barbieri (Cremona)

Storie di calciomercato, quando non c'erano i procuratori e i cellulari non erano i telefonini". Lo ha scritto nel 2011 Franco Esposito ed è edito da Absolutely Free.

| Scritto da Redazione
Il libro di oggi si intitola 'Testa alta, due piedi | Giorgio Barbieri (Cremona)

Il libro di oggi si intitola 'Testa alta, due piedi | Giorgio Barbieri (Cremona)

Storie di calciomercato, quando non c'erano i procuratori e i cellulari non erano i telefonini". Lo ha scritto nel 2011 Franco Esposito ed è edito da Absolutely Free.

Esposito racconta come un detective i retroscena del mercato dei giocatori, le curiosità e gli annedoti. Fra questi c'è anche quello che si riferisce della cessione di Vialli da parte del presidente Domenico Luzzara della Cremonese alla Sampdoria di Mantovani. Ecco un estratto.

"Vialli scippato alla Juve da Mantovani? La cronaca racconta e dimostra che non si tratta di scippo. Il giovane Gianluca Vialli ha le stimmate del campione. Certo, deve farsi, ma ha tutto il tempo necessario davanti a sè. Precoce attaccante, è inseguito da mezza Italia. Gioca nella Cremonese, il club fornitore ufficiale della Juventus e della Sampdoria. Il meglio della produzione se lo prendono loro. In questo senso, Vialli è il top. Il presidente della Cremonese è una persona favolosa. Un signore, Domenico Luzzara, che in gioventù ha fatto da spalla in teatro all'attore comico Ugo Tognazzi. Sono concittadini, praticamente coetanei. Hanno recitato in compagnie di avanspettacolo in locali lungo le rive del Po. Compagnie teatrali con sei ballerine. Luzzara conosce Marcello Mastroianni e va a pesca con il papà di Mina Mazzini, in arte semplicemente Mina, la voce più bella della canzone italiana. Figlio di un oste che serviva pane e acciughe, ha acquisito una posizione agiata rivendendo una'azienda di riparazioni di motori ereditata da uno zio. Malgrado l'opposizione della zia tirchia e diffidente... Luzzara non firma contratti, mai messo nero su bianco... La Juve è in vantaggio sulla Samp, sembra tutto scritto. Ma la Juve si perde in brevi tentennamenti. Indugia... Paolo Mantovani telefona all'amico Luzzara, il rapporto fra i due è semplicemente straordinario. 'Arrivo a Cremona, vengo a prendermi Vialli, se sei d'accordo. La cifra, i soldi? Penso che troveremo l'accordo in pochi minuti'. Sei minuti, sei. Mantovani appoggia sul tavolo dell'ufficio di Luzzara una valigetta Luis Vuitton. All'interno, due miliardi in contanti".

Forse non andò proprio così, i due miliardi sono veri ma arrivarono un poco alla volta al presidente Luzzara. Così comunque la Juve perse Vialli.

Giorgio Barbieri (Cremona)

Giugno 2020

719 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online