Mercoledì, 24 luglio 2019 - ore 09.13

Lodi - La citta' dedica una sala della Biblioteca alle vittime di Linate

Intitolazione sabato 19 marzo, con i Sindaci di molti Comuni coinvolti

| Scritto da Redazione
Lodi - La citta' dedica una sala della Biblioteca alle vittime di Linate

Si terrà sabato 19 marzo la cerimonia di intitolazione di una sala della Biblioteca Laudense alle vittime dell’incidente aereo di Linate dell’8 ottobre 2001, in cui morirono 118 persone, tra le quali il lodigiano Attilio Lazzarini.

L’iniziativa, organizzata dal Comune di Lodi in collaborazione con il “Comitato 8 ottobre 2001, per non dimenticare”, vedrà la partecipazione dei sindaci di tutti i Comuni del Lodigiano e dei territori vicini in cui risiedevano alcune delle vittime. Il programma prevede per le ore 11.00 una Santa Messa presso la chiesa di San Filippo in corso Umberto I, celebrata dal Vescovo di Lodi, monsignor Maurizio Malvestiti; a seguire un corteo dalla chiesa sino all’ingresso di via Solferino della Biblioteca Laudense, quindi la cerimonia di intitolazione ed i discorsi celebrativi.

"In questo modo – sottolinea il sindaco di Lodi, Simone Uggetti - intendiamo ricordare le vittime del tragico episodio ed esprimere il cordoglio e la vicinanza dei Comuni e dei cittadini ai familiari delle vittime. L’incidente di Linate è stato un dramma che ha lasciato un segno profondo, per le circostanze assurde in cui si verificò e per gli inquietanti interrogativi che sollevò su questioni di fondamentale importanza legate alla prevenzione dei rischi ed alla corretta applicazione di elementari misure di precauzione; questo impatto emotivo è stato a maggior ragione vissuto nelle comunità locali che hanno condiviso il dolore di famiglie colpite direttamente dal lutto, quali la nostra e molte altre nel territorio, dove la memoria di quel giorno e delle vittime dell’incidente è rimasta presente e continua a interrogare tutti noi. E’ per questo che abbiamo voluto esprimere questi sentimenti con un segno riconoscibile, promuovendo questo intento con i familiari delle vittime".

"Il fatto che a distanza di 15 anni dall’incidente l’attenzione e l’interesse dell’opinione pubblica e delle istituzioni restino così intensi e costanti ha un grande significato – commenta Adele Scarani, presidente del “Comitato 8 ottobre 2001, per non dimenticare” – La decisione della città di Lodi di dedicare alla memoria delle vittime una sala della Biblioteca Laudense ne è una ulteriore dimostrazione, che ci rende orgogliosi, anche perché il luogo scelto ha un ruolo centrale nella vita di relazione della città ed è frequentato ogni giorno da tante persone, in particolare dai giovani. Lo scopo del Comitato, infatti, non è solo quello di promuovere la memoria della vittime, ma di fare in modo che la memoria alimenti l’impegno attivo a favore della promozione di una cultura della sicurezza e della prevenzione. Iniziative come quella che celebreremo a Lodi tra pochi giorni rappresentano un riconoscimento al nostro lavoro ed ai nostri sforzi e ci fanno comprendere che in questo compito non siamo soli, ma abbiamo il sostegno di istituzioni sensibili e di tanti cittadini disponibili, che testimoniano concretamente la vicinanza alla nostra attività. Il messaggio che intendiamo trasmettere è che tragedie come quella di Linate dell’8 ottobre 2001 non sono frutto di casualità, ma di incuria, negligenza ed errori umani, che dobbiamo sforzarci tutti insieme di contrastare, creando le condizioni perché non si verifichino mai più situazioni di questo genere".

 

Fonte comune di Lodi

597 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Il Festival del Cinema Africano, dell’Asia e America Latina a Lodi Evento del 28 marzo

Il Festival del Cinema Africano, dell’Asia e America Latina a Lodi Evento del 28 marzo

L’Associazione COE e il Movimento per la Lotta contro la Fame nel Mondo, patrocinati dal Comune di Lodi e con il contributo della Fondazione BPL, sono lieti di portare a Lodi una giornata del Festival del Cinema Africano, dell’Asia e dell’America Latina presso il Cinema Fanfulla per una matinées dedicata agli studenti delle scuole secondarie di 1° e 2° grado. Un’opportunità unica per conoscere il mondo e l'attualità attraverso il cinema.