Sabato, 25 settembre 2021 - ore 14.08

PUNTO CREMONESE: i grigiorossi chiudono con una sconfitta immeritata sul campo della Spal

I grigiorossi di Pecchia sono condannati immeritatamente da un episodio. Una vittoria inutile per la Spal che non riesce a centrare i play off

| Scritto da Redazione
PUNTO CREMONESE: i grigiorossi chiudono con una sconfitta immeritata sul campo della Spal

Lunedì 10 maggio 2021, ore 14.00

Stadio Paolo Mazza (FE)

 

SPAL-CREMONESE 1-0  (0-0) 

RETI: 82’ Segre (Sp)

 

SPAL (3-5-2): Berisha; Ranieri (66′ Di Francesco), Okoli, Tomovic; Sala (79′ Sernicola), Mora (75′ Seck), Esposito, Segre, Dickmann; Asencio (79′ Floccari), Strefezza (79′ Moro).

Panchina.: Thiam, Gomis, Missiroli, Paloschi, Murgia, Spaltro, Viviani.

Allenatore: M. Rastelli

CREMONESE (4-2-3-1): Carnesecchi; Fiordaliso (66′ Colombo),  Bianchetti, Terranova, Zortea (75′ Deli); Valzania, Castagnetti; Strizzolo, Nardi (66′ Gaetano), Buonaiuto (60′ Bàez); Ciofani (60′ Ceravolo). 

Panchina.: Volpe, Zaccagno, Fornasier, Gustafson, Bartolomei, Pinato.

Allenatore: F. Pecchia

 

Arbitro: Sig. Giacomo Camplone della sezione di Pescara.

Assistenti: Sig. Luigi Lanotte di Barletta e il Sig. Enrico Caliari di Legnago. 

Quarto uomo: Sig. Luca Massimi di Termoli.

Ammoniti: Valzania, Fiordaliso (Cr), Asencio (Sp)

Angoli: 6-5

Recupero: -/3’ 







Al Mazza di Ferrara le squadre vengono accolte da una giornata calda e soleggiata, a darne riprova è il termometro che segna 27°C. 

Pecchia deve fare i conti con diverse assenze in difesa, l’ultima quella di Valeri, difesa a 4 con Zortea a destra, centrali Terranova e Bianchetti ed a sinistra Fiordaliso, sulla mediana si schierano Bianchetti e Valzania, mentre a supportare l’unica punta Ciofani, ci sono da destra a sinistra Bonaiuto, Strizzolo e Nardi.

 

PRIMO TEMPO:

Parte subito con la solita determinazione  la Cremonese è che dopo una manciata di minuti sfiora il gol del vantaggio con Ciofani che, servito dalla destra da Bonaiuto, conclude a reet con un rasoterra non sufficientemente angolato che Berisha blocca a terra.

Le due squadre si affrontano con grande agonismo a centrocampo, ma le azioni che ne susseguono si perdono in un niente di fatto.

Al 37’ Strefezza imbuca una palla in area per Segre che si vede togliere la palla dai piedi al momento del tiro verso la porta di Carnesecchi, da parte di Fiordaliso in un intervento tanto rischioso quanto perfetto che limita il pericolo ad un angolo. Vivaci le proteste dei padroni di casa.

Al 42’ Zortea perde una palla sulla fascia, Bonaiuto è lesto a recuperarla, la porta avanti sul filo del fallo laterale e mentre gli spallini si fermano pensando in un'interruzione del gioco,  l’attaccante grigiorosso entra in area e calcia sotto la traversa un pallone che Berisha riesce a deviare in angolo con le unghie, sul corner che ne consegue, Bianchetti manca l’aggancio sotto porta per un soffio.

Si chiude la prima parte della gara che ha visto una Cremonese, attenta e ben disposta  in campo, i ragazzi di Pecchia hanno due occasioni nette per andare in vantaggio che l’estremo difensore biancazzurro neutralizza.

I padroni di casa, costretti a vincere per continuare a sperare di raggiungere i play off, ma aldilà dei 5 angoli guadagnati in 45’ minuti non si sono mai resi pericolosi in area grigiorossa.

 

SECONDO TEMPO:

Il Caldo non si placa e le squadre rientrano in campo con gli 11 invariati dal primo tempo, non passa nemmeno un minutO e Carnesecchi viene impegnato in una respinta con i pugni da un diagonale molto insidioso di Sala.

E’ la Cremonese però a dare la sensazione di alzare il proprio baricentro per cercare di chiudere i padroni di casa nella propria metà campo, ed al 50’ Strizzolo conclude a rete dopo un’azione insistita dei grigiorossi, palla che passa tra le gambe di un difensore e che Berisha para a terra, passa un solo minuto e ci prova Bonaiuto, palla deviata in calcio d’angolo.

Al 53’, su un ribaltamento di fronte, tocca a Strefezza impegnare Carnesecchi con un tiro forte e teso, non passa nemmeno un  minuto,ed è ancora l’ex grigiorosso creare scompiglio nella metà  campo grigiorossa, portandosi a spasso palla ed un paio di difensori in palleggio volante, la conclusione però non è degna dell’azione e finisce ampiamente sopra la traversa della porta difesa da Carnesecchi.

Con ‘un orecchio alla radiolina’ ed uno al campo Rastelli cerca di dare la carica ai padroni di casa, il Chievo sta vincendo contro l’Ascoli per 2-0, mentre il Brescia sta pareggiando contro il Monza che sta giocando in 10 uomini, vincere è fondamentale per continuare a sperare.

Pecchia inserisce forze fresche in attacco al 60’ inserisce Baez e Ceravolo e 5’ dopo Deli e Gaetano, al 64’ su azione d’angolo, Strizzolo una palla invitante che però l'attaccante direziona di testa testa debolmente tra le braccia di Berisha; passa un minuto e sul capovolgimento di fronte Carnesecchi è costretto ad 'un’uscita kamikaze' sui piedi di Dickmann sventando un'occasione molto pericolosa. 

I padroni di casa si riversano nell'area grigiorossa a caccia di una vittoria che al monento, con le vittorie si Chievo e Monza, servirebbero a gran poco ed arriva il gol che decide la partita.

arriva al 36’ con il migliore in campo dei padroni di casa. 

Al 36' sugli sviluppi di un corner, aa palla arriva in area dalla destra, viene colpita goffamente in area da Seck, rimbalza sui polpacci di Bianchetti e viene intercettata a due passi dalla riga di porta da Segre che con un mezzo tacco le mette dentro. SPAL-CREMONESE 1-0

I grigiorossi provano a reagire, ma il caldo si fa sentire, Valzania e Bianchetti si massaggiano le gambe e Deli è costretto ad uscire lasciando la squadra in 10 fino alla fine della gara per un infortunio alla coscia. Persino i due allenatori si accordano per fare correggere i minuti di recupero decretati dall’arbitro da 4 a 3.

La partita finisce dopo 2 angoli battuti a favore dei grigiorossi a riprova che fino all’ultimo hanno comunque provato a raddrizzare la partita.

I grigiorossi scontano una sconfitta figlia di un episodio sfortunato, il pareggio sarebbe stato più giusto in virtù delle occasioni avute da entrambe le squadre, ha comunque influito molto la giornata calda che ha accompagnato i 90’ di gara.

Da domani in via Postumia si penserà alla prossima stagione di serie B, partendo dal rinnovo, speriamo, di Fabio Pecchia, per poter cominciare a ragionare sulla squadra.

Un gruppo che, agli ordini di Pecchia, si è riscoperto solido e motivato, ma confermarlo in toto, o quasi, risulta molto difficile a causa dei numerosi giocatori in prestito, ma resta comunque la certezza di poter disputare un altro anno di serie B.

 

-Gazzaniga Daniele- 

524 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria