Sabato, 27 novembre 2021 - ore 00.19

Querele reciproche, Parietti e Lucarelli assolte da diffamazione

Dopo scontro a Ballando con le stelle e via social

| Scritto da Redazione
Querele reciproche, Parietti e Lucarelli assolte da diffamazione

Sono state assolte Alba Parietti e Selvaggia Lucarelli al termine del processo a Milano in cui erano imputate per diffamazione l'una nei confronti dell'altra dopo essersi querelate a vicenda per via di una querelle che era nata nell'edizione del 2017 del programma 'Ballando con le stelle'. A deciderlo è stata la sesta sezione del tribunale al termine del dibattimento che ha messo fine a una vicenda giudiziaria che va avanti dal 2018.

All'epoca la giornalista e blogger, difesa nel processo dal legale Lorenzo Puglisi, era giudice del programma di prima serata del sabato sera, mentre il noto volto tv era ballerina-concorrente. Le infuocate polemiche tra le due nello studio tv avevano poi generato uno scontro via social e per questo, a causa di denunce reciproche, sono finite in un'aula di giustizia. Il giudice nell'assolvere Alba Parietti ha riconosciuto che le sue parole sarebbero state una reazione alle espressioni della blogger.

"E' stato riconosciuto - ha spiegato l'avvocato Filippo Schiaffino, il difensore di Alba Parietti - la correttezza del comportamento della mia assistita che durante quel periodo si è risentita per i continui attacchi.

Oggi per lei si chiude, dal punto di vista penale, una vicenda che l'ha molto preoccupata".

87 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Violenza contro le donne: per 3 uomini su 10 la causa è la donna

Violenza contro le donne: per 3 uomini su 10 la causa è la donna

Oggi è la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità 1 donna su 3 subisce violenza nel corso della propria vita, e circa il 38% di tutti gli omicidi di donne sono compiuti da partner. Una situazione che è ulteriormente peggiorata durante la pandemia di Covid. Un nuovo report fornisce un quadro preoccupante in cui ignoranza, pregiudizi e linguaggio sbagliato contribuiscono a perpetuare stereotipi sulla violenza contro le donne.