Martedì, 16 aprile 2024 - ore 08.54

Studio conferma che lavorare troppo fa male

| Scritto da Redazione
Studio conferma che lavorare troppo fa male

Uno studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista accademica Environment International. A condurlo, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e l’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL). Lo studio si è svolto tra il 2000 e il 2016, in 194 paesi e ha come oggetto gli effetti delle lunghe ore di lavoro sulla salute. Il risultato, forse non sorprendente in sé, è che troppo lavoro ha effetti deleteri sulla salute: vi è un maggior rischio di coronaropatie e infarto per chi lavora più di 55 ore alla settimana rispetto a chi lavora le normali 35-40.

I lunghi orari di lavoro sono una piaga a livello globale: nel 2016 vi sono state esposte 488 milioni di persone, l’8,9% della popolazione mondiale, una percentuale che è andata aumentando negli anni. Tra il 2000 e il 2016, ha registrato un aumento del 29% e ha causato più di 745.000 morti (secondo le stime di OMS e OIL). Le vittime sono soprattutto gli uomini di età tra i 30 e i 35 anni. Nel 3,4% dei casi le cause di decesso sono le coronaropatie, nel 6,9% gli infarti. Secondo lo studio, a mediare tra il lavoro e le patologie sarebbero due fattori possibili: le risposte fisiologiche (l’attività nervosa, la risposta del sistema immunitario, l’aumento nella pressione sanguigna e la fibrillazione atriale) e quelle comportamentali (il fumo, il consumo di alcol, la sedentarietà, i disturbi del sonno, l’adozione di una dieta squilibrata).

Alcune regioni del globo sono più esposte a queste problematiche: l’Europa relativamente poco, probabilmente per la maggiore regolamentazione del lavoro, l’Africa e l’Asia sono invece i continenti più colpiti. Si registra però una diminuzione graduale in Africa e invece un aumento in Asia, soprattutto nella regione più orientale e meridionale. Il Sud-Est asiatico, come anche il Pacifico occidentale, sono più colpiti anche dai decessi: in proporzione, questi sono in numero maggiore rispetto all’Africa.

Lo studio evidenzia che con le crisi tendono ad aumentare anche le ore di lavoro. La pandemia è uno di questi momenti: causa morti non solo dirette, ma anche indirette, soprattutto perché il lavoro da remoto tende a cancellare i confini tra lavoro e vita privata e a favorire quindi un regime sregolato. La soluzione, secondo OMS e OIL, è la diffusa regolamentazione del lavoro, che ponga limiti rigidi al numero di ore di lavoro settimanali per favorire la salute dei cittadini.

(Fonte L’Indipendente cc by nc)

559 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria