Mercoledì, 22 gennaio 2020 - ore 10.01

Uisp.Bamako-Dakar 2011.

| Scritto da Redazione
Uisp.Bamako-Dakar 2011.

Uisp.Bamako-Dakar 2011. BAMAKO-DAKAR UISP/1. IL 31 GENNAIO PARTE IL SILENZIOSO TOUR DELLA SOLIDARIETA'. SPORT E COOPERAZIONE SULLE STRADE D'AFRICA . Tutto è pronto per il via di questa seconda edizione della “Bamako-Dakar. Il silenzioso Tour della solidarietà” organizzato dall’Uisp, che prenderà il via lunedi 31 gennaio dalla capitale del Mali. Sette giorni dopo, domenica 6 febbraio è prevista la tappa conclusiva, con un percorso cittadino a Dakar, capitale del Senegal, in occasione dello svolgimento del WSF-Forum Sociale Mondiale.

La distanza tra le due capitali è di circa millecinquecento chilometri: di questi 740 saranno percorsi in bicicletta, gli altri coperti attraverso trasfert in bus, a causa dell’impraticabilità di molte vie di comunicazione. La carovana Uisp è composta da 22 ciclisti, italiani e africani, che pedaleranno spalla a spalla.
La Bamako-Dakar è una bella impresa sportiva ma anche un viaggio, silenzioso perché pronto all’ascolto. Si pedala tanto, ma poi ci si ferma per capire, conoscere e creare relazioni durature. Quest’anno poi la meta è il WSF- Forum Sociale Mondiale, l’incontro dei movimenti che lavorano per un’economia e un mondo diversi.

Prima tappa il 31 gennaio, da Bamako a Didieni, passando per Kolokani. La carovana farà visita alle case della solidarietà finanziate con le edizioni precedenti della manifestazione. Sarà l’occasione per vedere in funzione i due generatori di corrente donati da Toscana Energia, altro risultato concreto del tour. Il primo febbraio la destinazione è Kayes, mentre il giorno seguente, i ciclisti passeranno il confine a Diboli, pittoresca località di frontiera.

Giovedì 3 febbraio, le bici batteranno la strada da Kaffrine a Foundiougne. E’ in questa città che si è sviluppato l’intervento di cooperazione più importante, promosso dall’Uisp e da Peace Games: formazione per operatori sportivi su nuoto, vela, subacquea e calcio; donazione di materiale sportivo per le scuole; costruzione di una piroga, lunga circa 14 metri, che servirà per l’educazione ambientale per gli alunni delle scuole primarie, nonché ad avvicinarli alle attività in acqua. L’inaugurazione dell’imbarcazione, alla presenza dei ciclisti, di tutto lo staff del tour e delle istituzioni locali, avverrà nella mattinata di venerdì 4 febbraio, prima di salire in sella alla volta di Somone, sulla costa.
Il giorno dopo i ciclisti arriveranno a Dakar. Si fermeranno a qualche chilometro di distanza dal centro cittadino, per unirsi alle carovane di pullman provenienti da tutta l’Africa per il Forum sociale mondiale. Faranno da staffetta, saranno alla testa di questo lungo corteo che farà il suo ingresso nella capitale senegalese. Infine, domenica 6 febbraio, settima ed ultima tappa, con un percorso che attraverserà Pekine e Parcelles, le banlieue, le periferie più povere di Dakar, per poi concludersi alla cerimonia d’apertura del Forum presso l’Università.

“Bamako-Dakar 2011- Il silenzioso Tour della solidarietà” è organizzata dall’Uisp, in collaborazione con il Comitato Bici d’Italia in Africa e con il contributo della Fondazione Monte dei Paschi di Siena.
Scarica le tappe e il percorso del tour.

1484 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Liberata donna italiana segregata in Marocco

Liberata donna italiana segregata in Marocco

Si era fatta convincere da un’amica marocchina ad accettare un matrimonio di convenienza con suo nipote, un giovane di 27 anni. Una donna 47enne di origini sarde aveva così dato l’assenso ad un’unione che le avrebbe fatto guadagnare 5.000 euro e avrebbe consentito all’uomo di ottenere un titolo valido per vivere in Italia. Aveva perciò fatto le valige ed era andata nel paese africano nel novembre scorso, con l’intenzione di rientrare subito dopo il disbrigo delle pratiche. Difficoltà burocratiche legate al divorzio col suo precedente marito, anch’esso di nazionalità magrebina, le avevano fatto cambiare idea e aveva così deciso di rientrare in Italia senza considerare, però, che glielo avrebbero impedito. Il ragazzo, infatti, con la complicità della madre e della sorella, l’ha sequestrata, tenendola segregata in un’abitazione con le sbarre alle finestre, in un villaggio a circa venti chilometri da Marrakech, costretta a nutrirsi solo di latte e biscotti. La donna che avendo tenuto ben nascosto il proprio cellulare, era riuscita in rari messaggi telefonici, a mettersi in contatto con i familiari in Italia facendo trapelare la sua sofferenza: in una drammatica videochiamata, una sorella si era accorta del suo stato di prostrazione e paura. La 47enne aveva anche cercato di fuggire lanciandosi dal terzo piano dello stabile dove era tenuta prigioniera, ma con la caduta aveva riportato la frattura degli arti inferiori oltre alla lesione di alcune vertebre. Ritrovata dall’uomo, era stata riportata a casa e nuovamente segregata senza assistenza sanitaria. I familiari, insospettiti e preoccupati, anche per il fatto di non riuscire più a mettersi in contatto con la congiunta, hanno deciso di sporgere denuncia presso la Questura di Sassari che ha attivato subito il Servizio per la cooperazione internazionale di polizia (SCIP). Le ricerche avviate dallo SCIP con il supporto operativo dell’Esperto per la Sicurezza di stanza a Rabat, hanno consentito di rintracciare e salvare la donna. Ora è ricoverata presso una struttura sanitaria locale in attesa che i medici diano l’assenso al suo ritorno in Italia. L’uomo è stato posto in stato di arresto.
Sindrome da stress post natalizio: un aiuto arriva dalla tavola con gli alimenti ricchi di triptofano

Sindrome da stress post natalizio: un aiuto arriva dalla tavola con gli alimenti ricchi di triptofano

Malinconia, stanchezza, insonnia, apatia e cattivo umore: sono alcune delle sensazioni accusate dopo il periodo festivo. Per gli esperti è una sensazione definita, che ha un nome: “Sindrome da stress post natalizio”. Dal pianificare i regali, al carico emotivo delle preparazioni fino al sonno alterato, può capitare infatti di vivere le feste come delle vere e proprie fatiche che generano tensione, e di provare al contempo malinconia quando sono terminate