Giovedì, 14 novembre 2019 - ore 02.48

Vàca de làt di Giovanni Chiappani

| Scritto da Redazione
Vàca de làt di Giovanni Chiappani

Vàca de làt di Giovanni Chiappani
Poesia dialettale “La mucca da latte”  di Giovanni Chiappani
-----------------------
Vàca de làt di Giovanni Chiappani

Té, vàca, in India te sèet sàcra,ma àan a Cremùna, sa te fèet tàant làt,i te téen bùna.

Té, vàca,

in India te sèet sàcra,

ma àan a Cremùna,

sa te fèet tàant làt,

i te téen bùna.

 

Apèena nàada, té, fémina,

i te fà crèser,

e i te cüüra ‘me ‘n pütél,

a diferèensa d’i tòo fradéi màs’c

che ja ingràsa per el macél.

 

Prèst te divèentet en manzòol

e i tòo padròon

i te tràta cùma i pòol:

in de’n bàrech

didrée a l’èera

o sóta ‘n pòortech,

i te dà da mangiàa

de la pàja, sìme e scartòs,

e quàan la va bèen

l’èerba d’i fòs.

 

Rivàada a l’età giöösta

sa i te spùuza cun el tòor

ciàmete fürtünàada,

perchè la «pruéta»

la véen sèemper püsèe dupràada.

 

Quàan te divèentet màma,

vetrinari, padròon e bergamìin

i decìit cùusa dàate da mangiàa,

e mìia per fàate stàa bèen,

ma per el làt che te gh’èet da fàa.

 

Se po’ te divèentet

na latìfera che vóol de’l vó,

de préemi e de bèen ghe n’è de pö:

per té gh’è i püsèe bòon bucòon,

s’intèent de fèen o de pastòon;

i te pòorta ‘n sö le féere

e te sfìilet dinàans a gèent

che se n’intèent;

i te rimìira e i te pàalpa

i fiàanch, le tète, la téesta

e sa te vìincet i te fa féesta,

i te mèet d’i nastrìin in s’i còorni

de divèers culùr,

medàje el còl, ghirlàande de fiùur.

 

Però, atèenta

a fàate mìia végner el fredùur,

e supratöt a fàatel mìia düràa…!

tè te sèet na vàca

e sèemper tàant làt te gh’èet da fàa!

Sultàant per el làt

te séet la regìna de la casìna;

sa te càlet de làt

te vàalet negòt:

i te mèena sübit da’l bechèer

e te finìset la tóo vìta

in s’i nòst fugulèer!

--------------------------------------------
Chi era Giovanni Chiappani

Giovanni Chiappani già segretario della Cgil di Cremona dal 1959 al 1970. Stimato dirigente del movimento operaio e democratico cremonese, segretario generale della CGIL di Cremona per un decennio, uomo delle istituzioni, Consigliere Regionale dal 1970 al 1980, nell'ultima parte della sua via fine ed apprezzato poeta dialettale. Nato a Malagnino (Cremona) il 4 novembre 1920 e deceduto il 30 diecmbre 2008), proveniva da una famiglia di salariati agricoli. Egli stesso ha lavorato, prima come garzone da muratore, poi come salariato agricolo fino all'età di 19 anni, quando venne chiamato per il servizio militare.
Prese parte al ricostituito Esercito Italiano - dopo la caduta del fascismo - partecipando alla liberazione del Paese, dai tedeschi e dai fascisti.

Per due anni dalla Liberazione svolge la funzione di Collocatore a Malagnino. Dal 1947 al 1970 sindacalista della Cgil cremonese, prima come funzionario, poi dal 1959 al 1970 come segretario generale della Camera del Lavoro.

Negli anni '60 Consigliere comunale di Cremona, dal 1970 al 1980 Consigliere Regionale eletto nelle liste del PCI e fino al 1985 Consigliere Provinciale.

Raggiunta la pensione si é dedicato alla poesia in dialetto cremonese, che però già frequentava fin dagli anni '70, raccontando la vita, i mestieri e le lotte dei lavoratori agricoli. Poesie che il nostro sito ha ospitato in questi anni con grande piacere.

Nella fotina Giovanni Chiappani

2014-03-16

1675 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria