Sabato, 15 dicembre 2018 - ore 16.47

AISE MAROCCO. DELEGAZIONE ITALIANA INCONTRA GLI ATTIVISTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DIRITTI UMANI

La Costituzione del 2011 ha rappresentato una svolta importante per la promozione dei diritti umani in Marocco, in particolare attraverso l’adozione di tutti i diritti previsti nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e tramite l’impegno ad armonizzare la legislazione del Regno con le disposizioni delle convenzioni internazionali ratificate

| Scritto da Redazione
AISE MAROCCO. DELEGAZIONE ITALIANA INCONTRA GLI ATTIVISTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DIRITTI UMANI

AISE MAROCCO. DELEGAZIONE ITALIANA INCONTRA GLI ATTIVISTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DIRITTI UMANI

“Prende vita, come delegazione italiana per l’implementazione dei diritti umani in Marocco, una missione di attivisti per supervisionare la situazione umanitaria in tutto il Regno del Marocco. Con Irepi (Istituto di Ricerca di Economia e Politica Internazionale), il presidente della Federazione Italiana dei Diritti dell’Uomo (FIDU), Antonio Stango e il segretario dell’Istituto di Ricerca di Economia e Politica Internazionale (Irepi), l’avvocato Margherita Cattolico. Il primo incontro della delegazione è stato a Rabat con i dirigenti del Consiglio Nazionale dei Diritti Umani del Marocco (CNDH), Driss Yazami presidente del CNDH ed il responsabile delle Relazioni Estere dell’organizzazione Mourad Errarhib”. A scriverne è Domenico Letizia, Presidente dell’Istituto di Ricerca di Economia e Politica Internazionale (Irepi) su “Notizie geopolitiche”.

“Yazami ha ribadito e descritto il contributo fondamentale avutosi nella società del Marocco attraverso la nascita e la crescita di numerose associazioni che difendono i diritti umani e soprattutto l’istituzione della commissione per l’equità e la riconciliazione, che si occupava e si occupa del risarcimento dei danni subiti da tutti coloro vittime di violazioni sistematiche dei diritti fondamentali dell’individuo.

Secondo il presidente del Cndh, la Costituzione del 2011 ha rappresentato una svolta importante per la promozione dei diritti umani in Marocco, in particolare attraverso l’adozione di tutti i diritti previsti nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e tramite l’impegno ad armonizzare la legislazione del Regno con le disposizioni delle convenzioni internazionali ratificate.

DOMENICO LETIZIA

 

[leggi tutto]

 

422 visite

Articoli correlati