Lunedì, 17 gennaio 2022 - ore 19.49

Beyond Epica inizia a trivellare per raggiungere il ghiaccio più antico dell’Antartide

Spedizione internazionale a guida CNR alla ricerca del clima che fu

| Scritto da Redazione
Beyond Epica inizia a trivellare per raggiungere il ghiaccio più antico dell’Antartide

Prende ufficialmente il via in questi giorni in Antartide la prima campagna di carotaggio del progetto Beyond Epica Oldest Ice che ha l’obiettivo, attraverso il campionamento e l’analisi del ghiaccio profondo, di tornare indietro nel tempo di 1 milione e mezzo di anni, alla scoperta delle temperature e della concentrazione dei gas serra del passato, un lavoro senza precedenti per gli studi di paleoclimatologia.

Al CNR spiegano che «Finanziato dalla Commissione europea con 11 milioni di euro, il progetto si estende per sette anni (a partire dal 2019) ed è coordinato da Carlo Barbante, direttore dell’Istituto di scienze polari del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Isp) e professore all’Università Ca’ Foscari Venezia. Dodici i centri di ricerca partner, di dieci Paesi europei e non. Per l’Italia oltre al Cnr e all’Università Ca’ Foscari, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea) è incaricata insieme all’Istituto polare francese del modulo di lavoro relativo alla logistica. Le attività del progetto Beyond Epica Oldest Ice beneficeranno della sinergia con quelle svolte in ambito del Pnra, il Programma nazionale di ricerche in Antartide, finanziato dal Miur, coordinato dal Cnr per le attività scientifiche e dall’Enea per l’attuazione operativa delle spedizioni».

Un team europeo installerà le sue apparecchiature in una delle località più alte del Continente Bianco, per un’operazione che probabilmente richiederà 4 anni.

Il progetto punta a recuperare un cilindro di materiale congelato lungo quasi 3 km e, come spiega BBC News, «Gli scienziati sperano che questo ghiaccio possa aiutarli a spiegare perché le ere glaciali della Terra hanno cambiato frequenza nel profondo passato.

“Beyond EPICA”, come è chiamato il progetto, è il seguito di un’impresa simile a cavallo del millennio chiamata semplicemente EPICA (European Project for Ice Coring in Antarctica)».

Gli altri scienziati presenti sul sito saranno Thomas Stocker, Remo Walther e Jakob Schwander dell’Università di Berna. A manovrare il carotiere saranno Philippe Possenti, Gregory Teste, Olivier Alemany, Romain Duphil dell’Università di Grenoble-Alpes, Matthias Hüther dell’Alfred Wegener Institute. La logistica e le telecomunicazioni saranno gestite da Michele Scalet, Saverio Panichi, Giacomo Bonanno dell’Enea e Calogero Monaco, militare del Genio Guastatori.

Il CNR sottolinea che «La campagna si svolgerà a Little Dome C, un’area di circa 10 km2 a 40 km dalla base italo-francese di Concordia sul plateau antartico orientale, uno dei luoghi più estremi del pianeta e durerà fino a gennaio 2022. Glaciologi, ingegneri e tecnici del team internazionale lavoreranno a un’altitudine di 3233 metri sul livello del mare, a oltre 1.000 chilometri dalla costa e a una temperatura che durante l’estate antartica sarà in media di -35° C. Una volta reso completamente operativo il campo di perforazione, sarà completato e testato il sistema di carotaggio, mentre l’équipe del progetto scaverà nella neve il deposito destinato a ospitare i primi campioni di ghiaccio. Il successo di questa campagna sarà cruciale per la riuscita dell’intero progetto. Due i momenti chiave per la storia delle scienze del clima: l’incisione nel ghiaccio del foro da cui estrarre la carota e, entro la fine della campagna, l’estrazione dei primi strati di ghiaccio. L’aspettativa del team di ricerca è raggiungere in gennaio la velocità media di perforazione di 170 metri di profondità alla settimana».

Il ghiaccio profondo in Antartide contiene minuscole bolle d’aria. Queste piccole sacche di gas sono un’istantanea diretta dell’atmosfera storica. Gli scienziati possono leggere i livelli di anidride carbonica e altri componenti che intrappolano il calore, come il metano.

L’analisi degli atomi nelle molecole di ghiaccio d’acqua che racchiudono i gas fornisce anche un’indicazione della temperatura che persisteva al momento della nevicata che ha dato origine al ghiaccio.

Barbante conclude: «Con il precedente progetto Epica, terminato nel 2008, siamo riusciti ad analizzare una carota di ghiaccio di 800 mila anni. Ora, come in una macchina del tempo, ci spingiamo a esplorare oltre: infatti se vogliamo mettere in una prospettiva corretta quello che stiamo sperimentando oggi con il cambiamento climatico e prendere delle misure di mitigazione per fronteggiare il cambiamento, dobbiamo necessariamente guardare molto più indietro ed è quello che stiamo per fare qui in Antartide con l’avvio di Beyond EpicaIl ghiaccio porta impressa l’impronta della storia climatica e ambientale del nostro pianeta e consente di risalire a informazioni di secoli e millenni addietro, relative all’evoluzione delle temperature e alla composizione dell’atmosfera nel corso del tempo. I ricercatori saranno in grado quindi di stabilire le quantità dei vari gas serra, come metano e anidride carbonica, presenti nelle varie ere, mettendole in relazione all’evoluzione delle temperature. Riteniamo che questa carota di ghiaccio ci possa fornire informazioni sul clima passato e sui gas serra presenti durante la transizione del Medio Pleistocene (MPT), avvenuta tra 900.000 e 1,2 milioni di anni fa. Durante questa transizione la periodicità climatica tra le ere glaciali è passata da 41.000 a 100.000 anni; perché questo sia avvenuto è il mistero che ci proponiamo di risolvere».

213 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria