Mercoledì, 14 aprile 2021 - ore 10.33

INSEGUIMENTO DA FILM TRA I CAMPI DI OFFANENGO

Forzano un posto di blocco, tre persone fermate per identificazione I carabinieri questa mattina all'inseguimento nelle campagne

| Scritto da Redazione
INSEGUIMENTO DA FILM TRA I CAMPI DI OFFANENGO
Ricercati dai Carabinieri perchè avevano forzato un posto di blocco a Crema(CR).
 
Questa mattina è cominciata la caccia ai tre fuggitivi nei campi intorno a Offanengo.
 
Sono stati arrestati due uomini e una donna sudamericani, probabilmente collegati allo spaccio di stupefacenti.
Impiegato anche l'elicottero dei carabinieri.
 
I carabinieri si danno all’inseguimento dell’auto, diramando la nota di ricerca dei tre fuggiaschi e tempestivamente giungono nella zona anche tre pattuglie del Nucleo Operativo della Compagnia di Crema. Il comandante della Compagnia di Crema decide di chiedere ausilio anche ad altri organi dell’Arma dei Carabinieri: ecco quindi che viene richiesta la collaborazione del Nucleo Elicotteristi, che poco dopo sorvolano i cieli della Cremasca. Nel frattempo la pattuglia dei carabinieri di Romanengo intercetta la Cinquecento nel parcheggio della ditta di cosmetica Cromavis di Offanengo, proprio nel momento in cui si sta fermando. Dei tre occupanti solamente l’autista riesce a darsi alla fuga nei campi mentre i due passeggeri vengono immediatamente fermati dai militari.
 
Nell’auto i militari trovano inoltre dei cacciaviti ed altri arnesi presumibilmente utilizzati per lo scasso ed un orologio ancora nella sua confezione: sono in corso accertamenti per verificarne la provenienza.
 
Le ricerche del terzo uomo però non si interrompono, il sorvolo dei cieli sopra Offanengo da parte dell’elicottero dell’Arma permette infatti di individuare il fuggiasco che, liberatosi nel frattempo del giubbotto e di uno zaino, si stava nascondendo all’interno di una cascina. L’edificio viene così circondato dalle auto dei militari del Nucleo Operativo di Crema e della Stazione di Romanengo che nel giro di poco fanno capitolare l’uomo.
Mentre i tre giovani vengono accompagnati presso la Compagnia dei carabinieri di Crema sul luogo della fuga, grazie anche all’impiego del Nucleo Cinofilo dei Carabinieri, proseguono le ricerche del giubbotto e dello zaino.
 
 
Tre le persone fermate, per il momento solo per identificazione. Si tratta di sudamericani: P.D.J. classe 1995 di nazionalità cubana, domiciliato a Milano senza fissa dimora, disoccupato, pluripregiudicato; R.L. classe 1984, nazionalità cubana, domiciliata a Milano senza fissa dimora, disoccupata; Y.R.V.E. classe 1984, di nazionalità cilena, disoccupato e pregiudicato.
Ai militari quest’ultimo ha però fornito un passaporto messicano che, a seguito di più approfonditi accertamenti con il Consolato del Messico, è risultato falso.
 
Y.R.V.E. è stato arrestato per possesso di documenti di identificazione falsi e deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Cremona per falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico e porto abusivo di oggetti atti allo scasso. Anche per i suoi complici è scattata la denuncia a piede libero per porto abusivo di oggetti atti allo scasso. La donna inoltre è stata segnalata alla Prefettura di Cremona per il possesso di sostanza stupefacente ai fini di uso personale.
 
 
 
 
 
1806 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria