Giovedì, 29 settembre 2022 - ore 20.47

U2 lanciano campagna sulle Dolomiti durante tour europeo a sostegno migranti

13 settembre 2015 Art For Amnesty e Amnesty International Italia riuniranno 6000 persone per formare una Catena Umana di 10 km e abbracciare le iconiche Tre Cime di Lavaredo, a 90 minuti da Venezia

| Scritto da Redazione
U2 lanciano campagna sulle Dolomiti durante tour europeo a sostegno migranti

Bono e The Edge l’avevano promesso agli amici Bill Shipsey e Tatiana Pais Becher e la promessa è stata mantenuta. A due giorni dal grande abbraccio che porterà alle Tre Cime di Lavaredo 6000 persone per la Pace e i Diritti Umani la rock band irlandese fa sua la causa e l’evento “Le Dolomiti Abbracciano i Diritti Umani” promosso da Art For Amnesty, Amnesty International Italia e Insieme Si Può ong, in collaborazione con il Comune di Auronzo e il Consorzio Turistico Tre Cime, lanciando un comunicato nel sito ufficiale: http://www.u2.com/news/title/refugeeswelcome

L’evento ora è ufficialmente mondiale, l’invito della band a tutti i fan che si trovano in prossimità delle Dolomiti a unirsi alla grande Catena Umana è stato lanciato con richiesta personale di Bono.

Nell’articolo pubblicato la band ha voluto ripercorrere la storia del legame profondo che la connette a Bill Shipsey, fondatore di Art For Amnesty, e Amnesty International. All’invito sul sito si aggiunge un comunicato ufficiale del chitarrista The Edge che invita tutti i fan a partecipare chiedendo loro di lanciare alle Tre Cime anche la campagna #refugeeswelcome. Indescrivibile la soddisfazione degli organizzatori, che ora sperano nel bel tempo. 

Cercando di gettare le tue braccia attorno…alla montagna

Questa domenica (13 settembre 2015) Art For Amnesty e Amnesty International Italia (con il partner Insieme Si Può ONG) riuniranno 6000 persone per formare una Catena Umana di 10 km e abbracciare le iconiche Tre Cime di Lavaredo, situate nelle Dolomiti, 90 minuti a nord di Venezia.

Tutto accadrà a sostegno della campagna di Amnesty per i rifugiati, che gli U2 hanno lanciato e stanno sostenendo durante il loro tour europeo.

Si tratta di un’opportunità per tutti coloro che vivono in prossimità delle Dolomiti di gettare le loro braccia, se non attorno al mondo, almeno attorno a una montagna in segno di solidarietà.

L’evento avviene immediatamente prima dell’incontro convocato in emergenza dall’Unione Europea per discutere della crisi dei rifugiati che ha colpito l’Europa.

Bill Shipsey, l’avvocato irlandese che nel 2002 ha fondato Art For Amnesty, ha mantenuto un rapporto di successo con gli U2 da quando ha incontrato la band per la prima volta all’apertura del primo ufficio di Amnesty a Dublino, nel 1984. Bill ha ammesso: “Ho spesso affermato che sarei diventato molto ricco se avessi ricevuto un euro da ogni persona che mi ha detto di avere conosciuto Amnesty o essersi impegnata per i diritti umani dopo avere ascoltato gli U2.”

L’obiettivo della campagna di Amnesty per i rifugiati – e della Catena Umana di domenica sulle Dolomiti – è “di persuadere i paesi europei ad accogliere almeno 300.000 dei rifugiati più vulnerabili in tutto il mondo."

Esistono dei profondi legami e una ricca eredità tra Amnesty e il mondo delle arti e dello spettacolo che, secondo Bill Shipsey, hanno aiutato enormemente la causa. Bill afferma: “Se vuoi motivare le persone allora devi coinvolgere le arti e gli artisti: una canzone, una poesia scritta bene riusciranno a ottenere molti più sostenitori della semplice divulgazione della dichiarazione dei diritti umani.”

“Certamente il responsabile dei Diritti dei migranti e rifugiati per Amnesty International, Sherif Elsayed-Ali, è un giovane egiziano che ha sentito parlare di Amnesty per la prima volta mentre guardava al Cairo dei video degli U2 di bassa qualità”.

Bill Shipsey rappresenta senza dubbio il punto di partenza dal quale gli U2 hanno poi iniziato a sostenere Amnesty, da quando nel 1986 hanno suonato in America nel tour Conspiracy of Hope insieme a Sting e Peter Gabriel. Bill afferma: “Amnesty è decollata, negli Stati Uniti i membri sono raddoppiati in soli tre mesi dopo l’inizio del tour”. E recentemente Art For Amnesty ha ricavato oltre 5 milioni di dollari dai diritti d’autore di Instant Karma, l’album uscito nel 2007 con le canzoni di John Lennon ricantate da vari artisti, per il quale gli U2 hanno eseguito la cover del brano che dà il titolo all’album.

La logistica per la Catena Umana di domenica non è semplice: 6000 persone verranno trasportate fino alla base delle Tre Cime utilizzando dei bus autosnodati. E se dovessimo citare un messaggio chiave di Bill Shipsey per i fan degli U2, sia per quelli che potranno unirsi alla catena sia per quelli che non lo potranno fare, è questo:

“Prendi l’ingiustizia personalmente. Qualsiasi sia la questione, per favore prendi l’ingiustizia personalmente, e agisci.”

*     *    *

Se vuoi unire fisicamente le tue braccia alla Catena Umana sulle Dolomiti puoi trovare le informazioni utili su come raggiungerci e cosa fare in loco:http://www.dolomitidirittiumani.org/

Se preferisci dimostrare la tua solidarietà in altro modo Art For Amnesty vi invita a radunare dei piccoli gruppi di persone e formare le vostre mini catene umane – sono già state formate delle catene attorno a Piazza Wenceslas a Praga e ai giganti alberi rossi della California – e caricare le vostre foto sui social media utilizzando l’hashtag #HUMANRIGHTSCHAIN o #REFUGEESWELCOME.

Oppure domenica potete semplicemente twittare il vostro sostegno alla Catena Umana per i diritti umani  utilizzando l’hashtag #HUMANRIGHTSCHAIN o #REFUGEESWELCOME.

Fonte: Amnesty International

1073 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria