Mercoledì, 21 ottobre 2020 - ore 23.24

Volta Pagina Festival: domenica ultimo appuntamento a Villa Medici del Vascello

Sarà Andrea Vitali a chiudere la prima edizione del festival letterario di San Giovanni in Croce

| Scritto da Redazione
Volta Pagina Festival: domenica ultimo appuntamento a Villa Medici del Vascello

Si conclude domenica prossima la serie di incontri nel magico contesto di Villa Medici del Vascello a San Giovanni in Croce, che domenica 6 settembre nel cortile antistante all'immenso parco della tenuta, ha visto avvicendarsi 12 autori.



I posti sono limitati. E’ possibile riservarli via WhatsApp inviando un messaggio al 370 3379804 specificando la presentazione a cui si vuole partecipare, il proprio nome ed il numero di posti che si intende prenotare.

Tutti gli eventi sono gratuiti e si terranno a Villa Medici del Vascello - San Giovanni in Croce, Cremona

Scopri di più sul sito www.villamedicidelvascello.it

 

DOMENICA 27 SETTEMBRE

Ore 15:00



SARA LOFFREDI presenta il suo libro 'FRONTE DI SCAVO'

Nata a Milano nel 1978. Ha esordito nel 2014 con La felicità sta in un altro posto (Rizzoli). Nel 2017, insieme a Luigi Celeste, ha scritto Non sarà sempre cosí(Piemme). Fronte di scavo è il suo primo romanzo per Einaudi.



"All'inizio degli anni Sessanta, centinaia di uomini sono impegnati nella piú grande operazione di «chirurgia geografica» del secondo dopoguerra: il traforo del Monte Bianco. Devono procedere spediti, e soprattutto dritti, altrimenti la galleria italiana e quella francese non s'incontreranno. Ettore è un uomo di città, chiamato in valle per partecipare al progetto. I calcoli e le misurazioni sono il suo pane quotidiano, l'ingegneria il suo mestiere; di colpo viene precipitato in uno scenario che gli allarga la mente e il respiro. Insieme a lui ci sono Hervé, capocantiere di poche parole che di quei sentieri conosce ogni segreto, e Nina, indomita, che lavora alla mensa ed è sola con un figlio piccolo. Il fronte di scavo avanza, mentre Ettore impara a conoscere loro e sé stesso, accordando pian piano il suo ritmo a quello della montagna. Lei, invece, era perfetta: la Regina Bianca offriva la possibilità di collegare Courmayeur a Chamonix mantenendo entrambi gli imbocchi sotto i millequattrocento metri. Il progetto stava diventando realtà: i minatori disturbavano il sonno di quella creatura di roccia e ghiaccio da più di due anni, ed erano arrivati a tremila metri di scavo sui cinquemilaottocento previsti da parte italiana.”

 

 

DOMENICA 27 SETTEMBRE

Ore 16:30



ALICE BASSO presenta il suo libro ‘IL MORSO DELLA VIPERA’

Nata a Milano, vive fuori Torino, in un ridente borgo medievale. Lavora per diverse case editrici come redattrice, traduttrice, valutatrice di proposte editoriali.

Nel tempo libero finge di avere ancora vent’anni, canta e scrive canzoni per un paio di rock band. Suona il sassofono, ama disegnare, cucina male, guida ancora peggio e di sport nemmeno a parlarne.

Nel 2015 ha pubblicato “ l’imprevedibile piano della scrittrice senza nome” a cui sono seguiti “ scrivere è un mestiere pericoloso“, “ non ditelo allo scrittore“, “ La scrittrice del mistero“. Lo scorso anno è uscito il quinto episodio della serie di cui è protagonista Vani Sarca “ Un caso speciale per la ghostwriter“.

Anita vive ogni giorno come se camminasse sulle uova, e si sforza di scrivere meglio che può, si sforza di studiare, si sforza di fingersi una disciplinata figlia della lupa e si sforza soprattutto di non prendere a schiaffi quella faccia di marmo di Satta Pignolini con la sua pennina rossa da signorino precisino e l’espressione di sdegno quando la guarda, quelle pochissime volte che la guarda. Ma soprattutto si sforza di non farsi licenziare, maledizione, e vuole lavorare lì, perché le storie sono belle.”



DOMENICA 27 SETTEMBRE

Ore 18:00 

ANDREA VITALI presenta il suo libro UN 'UOMO IN MUTANDE'

Nato e cresciuto a Bellano (LC) sul lago di Como dove vive. Dopo aver frequentato Il Liceo Manzoni a Lecco rinuncia alle sue inclinazioni verso il giornalismo e, per soddisfare le aspirazioni paterne, si laurea in medicina all’ Università statale di Milano nel 1982.

Abbandona la professione medica nel 2014 per dedicarsi alla scrittura.

Dopo che per venticinque anni svolge l’attività di medico di base del paese di Bellano, nel 2020 riprende l’attività medica, per sostituire un medico in quarantena a seguito della pandemia di covid-19.

Di una sola cosa era certo: il maresciallo Maccadò era rigoroso con sé stesso e uguale rigore pretendeva da tutti fin nei particolari, quali potevano essere la decenza e l’ordine della divisa. Quella mattina quindi s’era sentito in ambasce al pensiero di presentarsi emendo un odore come se si fosse voltolato dentro il soffritto. Onde evitare cazziatoni l’aveva messa sullo scherzo e alla domanda sugli eventi notturni aveva risposto che c’era stato un uomo in mutande in giro per il paese.”

 

-Gazzaniga Daniele- 

239 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria