Mercoledì, 01 aprile 2020 - ore 11.06

BERGAMO: Quasi un milione per migliorare fruibilità e accessi di 7 parchi in città

Dalla Trucca all'Azzanella, ecco tutti gli interventi previsti nel 2020

| Scritto da Redazione
BERGAMO: Quasi un milione per migliorare fruibilità e accessi di 7 parchi in città

Un piano da quasi un milione di euro per rimettere a nuovo 7 parchi cittadini: dopo il piano per la valorizzazione dei parchi storici, l’Amministrazione comunale ha approvato anche il progetto di manutenzione straordinaria di diverse aree verdi in città, ben 900mila euro di investimento per quelli che sono veri e propri interventi di ricucitura urbana.

“La maggior parte delle aree verdi cittadine, – spiega l’Assessore al verde pubblico del Comune di Bergamo Marzia Marchesi – quando non rientrano nella categoria dei giardini storici, necessitano spesso di interventi di manutenzione straordinaria perché siano adeguati al mutare delle esigenze della città e dei suoi abitanti. Migliorare la fruibilità, ridefinirne gli usi specifici e i percorsi di accesso, andando incontro a buona parte delle richieste pervenute dai loro stessi utilizzatori, è quindi di fondamentale importanza per migliorare la vivibilità delle aree verdi e della città intera. In questa direzione va il progetto che è stato approvato qualche giorno fa dalla Giunta comunale, uno sforzo – anche economico – importante che ci vedrà a lungo impegnati nell’arco del 2020 in diversi quartieri di Bergamo.”

Il Comune sarà infatti al lavoro, non appena espletate le necessarie procedure di appalto e affidamento dei lavori (quindi tra qualche mese) sui giardini di via Mazzini e di via Trento e sui parchi della Trucca, dell’Azzanella, delle Fragole, del Triangolo e sul Paul Harris di via Diaz.

Il Giardino di Via Mazzini sarà liberato dalla recinzione su strada per una maggiore apertura al quartiere, sarà ripulito di alcune essenze arboree e arbustive cresciute disordinatamente con fine di conferirgli maggior respiro, troverà la sostituzione dei vialetti in asfalto e l’incremento della superficie destinata a verde, infine con un piccola installazione vedrà inserite delle sagome tipo “silhouette” in metallo lungo il bordo su strada per dargli adeguata visibilità anche per chi passa in velocità con i mezzi a motore secondo la logica del paesaggio in movimento.

Il Giardino di Via Trento/Via delle Valli/Via Trieste troverà nuove funzioni per il quartiere in modo da bypassare la barriera stradale di via Borgo Palazzo che costituisce una cesura del tessuto urbano della Clementina. Sarà inserita una nuova area cani di dimensioni rilevanti , quale alternativa a quella presente presso il parco attiguo della Clementina, non facilmente raggiungibile, saranno collocate due struttura per il gioco dei bambini ad età differenziate e generato ex-novo uno spazio di fermata adeguato agli studenti della vicina scuola superiore per agevolarne l’attesa, onde evitare di tenerli sul bordo del marciapiede a ridosso della circonvallazione. Anche in questo caso si sostituirà il vialetto in asfalto in blocchi drenanti autobloccanti.

Il Parco “Onorevole Brighenti” al Triangolo, tra le vie Giacomo Manzù, Palma il Vecchio, S. Lazzaro vedrà la riqualificazione dell’area cani con una estensione dello spazio per il loro movimento e l’inserimento di una pergola schermante per i proprietari dei cani, l’inserimento di un paio di strutture il gioco dei bambini ad età differenziate, la sistemazione di parte delle pavimentazioni in porfido, la sostituzione del pergolato in glicine con un “falso gelsomino” e in generale l’eliminazione di parte delle componenti arbustive di difficile manutenzione. Per una adeguata visibilità saranno messe delle fioriere sulla terrazza in affaccio sul parco per chi accede dalla via Palma il Vecchio, poiché sin dall’inizio questo era stato pensato con in controcampo dell’ingresso principale dall’incrocio delle vie Manzù, S. Lazzaro.

Il Parco della Trucca o Parco dell’Ospedale vedrà la sperimentazione di un nuovo materiale drenante per il rifacimento dei vialetti in calcestre su circa metà della sua superficie totale per far fronte ai problemi di ristagno di acqua che caratterizzano storicamente quella località, saranno sistemate le recinzioni in legno presenti con particolare attenzione a quelle a protezione del sistema delle acque superficiali dentro a bordo parco, sarà fatta una importante operazione di manutenzione del verde con alleggerimento della vegetazione che è andata a svilupparsi per naturalizzazione in affiancamento a quanto era stato piantato a suo tempo per conferire maggior ordine al parco. In coerenza con la vocazione a prevalente carattere ludico sportiva dell’area verde, si interverrà con la sostituzione delle attrezzature per le attività sportive, con altre di nuova concezione.

Il Parco “Paul Harris” (Parco Diaz/Broseta), tra le vie XXIV Maggio, Via Armando Diaz, Via Broseta, troverà un parziale rifacimento della recinzione sulla Via XXIV Maggio e una riqualificazione dell’area giochi e della sua pavimentazione, mantenendo le attuali strutture, sarà viceversa tolto lo skate-park poiché non utilizzato dal quartiere e riconvertito in area cani con separazione delle taglie, viste le poche aree presenti in zona. Verrà rifatto il campetto polivalente e sistemate le strutture di supporto, sostituiti gli arredi non più funzionali, nonché tolta parte della vegetazione arbustiva che era cresciuta disordinatamente.

Il Parco della Azzanella per la parte di primo impianto troverà il rifacimento integrale dei vialetti di accesso che saranno realizzati in materiale drenante al posto dell’asfalto presente, sarà fatta una potatura importante delle alberature compreso alcuni abbattimenti di pini oramai giunti a fine ciclo vitale, ma adeguatamente compensati con nuove alberature, in modo da dare maggior luce alle abitazioni dei condomini che si affacciano sullo stesso. Si sostituirà buona parte delle panchine in legno con plastica riciclata.

Il Parco delle Fragole per la parte di primo impianto troverà il rifacimento delle porzioni danneggiate di pavimentazione cemento con il medesimo materiale e la sostituzione di quelle in calcestre sempre con il cemento per ragioni di continuità estetica. Saranno fatti interventi di rimozione della vegetazione arbustiva che era cresciuta disordinatamente con eliminazioni del superfluo e riduzione delle relative manutenzioni. Verrà rifatto il prato antistante l’ingresso di via Rampinelli in modo da conferire ordine allo stesso e sistemati i due sistemi di portici a cielo aperto posto sul fronte e sul retro di quello che era il primo disegno del parco, in modo da conferire adeguato valore agli accessi principali dello stesso.

La relazione tecnica qui: https://issuu.com/francescoalleva/docs/relazione_tecnica_ms_parchi_2019

 

128 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria