Sabato, 02 luglio 2022 - ore 16.13

Il Consiglio Ue proroga di un altro anno le sanzioni contro il regime in Siria

| Scritto da Redazione
Il Consiglio Ue proroga di un altro anno le sanzioni contro il regime in Siria

Il Consiglio europeo ha prorogato di un altro anno, fino al 1º giugno 2023, le misure restrittive dell'UE nei confronti del regime siriano a causa della repressione che continua a esercitare contro la popolazione civile del paese.

Le attuali sanzioni nei confronti della Siria sono state introdotte nel 2011 in risposta alla violenta repressione della popolazione civile e sono dirette anche a società e noti imprenditori che traggono vantaggio dai loro legami con il regime e dall'economia di guerra.

Al momento l’elenco comprende 289 persone soggette sia a congelamento dei beni sia a divieto di viaggio e 70 entità oggetto di congelamento dei beni.

Le misure restrittive includono anche un embargo sulle importazioni di petrolio, restrizioni su alcuni investimenti, il congelamento dei beni della banca centrale siriana detenuti nell'Ue e restrizioni all'esportazione di attrezzature e tecnologie che potrebbero essere usate a fini di repressione interna, nonché di attrezzature e tecnologie per il monitoraggio o l'intercettazione delle comunicazioni telefoniche o online.

Nell'ambito dell'approccio mirato dell'UE all'uso di sanzioni, quelle nei confronti della Siria sono concepite in modo da non ostacolare la fornitura di assistenza umanitaria. Di conseguenza, l'esportazione di prodotti alimentari, medicinali o attrezzature mediche non è soggetta alle sanzioni ed è prevista una serie di eccezioni specifiche per fini umanitari. (aise) 

157 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria