Mercoledì, 05 ottobre 2022 - ore 08.30

Il negazionismo demografico demolito in 10 punti

Maggiore è la dimensione della popolazione, maggiori sono le conseguenze su clima, ambiente, biodiversità e inquinamento

| Scritto da Redazione
Il negazionismo demografico demolito in 10 punti

Il negazionismo demografico sta comparendo sempre più nei paesi di tutto il mondo. Diversi funzionari governativi, politici, dirigenti d’azienda, commentatori dei media e altri stanno palesemente negando le realtà demografiche e le probabili tendenze future e dicendo falsità.

Le ragioni apparenti dietro le smentite e le falsità includono politica, profitti, potere, discriminazione, notorietà, speranze, convinzioni, contrarietà, trepidazione ed evasione. Alcune delle teorie negazioniste più frequentemente promosse vengono prese in considerazione qui di seguito, con informazioni sulle realtà demografiche e sulle probabili tendenze future.

Primo, la popolazione mondiale NON sta crollando a breve. La popolazione mondiale è quadruplicata negli ultimi 100 anni, da 2 a 8 miliardi e si prevede che raggiungerà i 10 miliardi intorno alla metà del secolo (Figura 1).

Mentre la rapida crescita della popolazione mondiale nel XX secolo è passata, si prevede che la popolazione mondiale continuerà a crescere nei prossimi decenni. La popolazione mondiale sta aumentando di circa 80 milioni all’anno e si prevedono 2 miliardi di persone in più entro il 2056.

Secondo, la distribuzione della popolazione mondiale in tutto il pianeta NON rimarrà come è stata per gran parte del passato. Nel 1950, ad esempio, 6 delle 10 popolazioni più grandi erano nei Paesi sviluppati. Entro la fine delXX secolo, tuttavia, tre Paesi sviluppati erano tra le 10 popolazioni più numerose ed entro il 2050 si prevede che un Paese sviluppato sarà tra quese. Oggi alcune popolazioni, in gran parte nelle regioni sviluppate,  stanno diminuendo principalmente a causa di più morti che nascite e probabilmente, nei prossimi anni, saranno considerevolmente inferiori. Altre popolazioni, principalmente nelle regioni in via di sviluppo, stanno aumentando rapidamente con un numero sostanzialmente maggiore di nascite che di decessi. Ad esempio, del previsto aumento di 1,8 miliardi della popolazione mondiale entro il 2050, si prevede che 1,1 miliardi, o circa il 60%, si verificheranno in Africa e circa 0,6 miliardi, o il 32%, in Asia. Al contrario, si prevede che le popolazioni del Nord America e dell’Europa aumenteranno rispettivamente di 52 milioni, un aumento del 3%, e diminuiranno di 37 milioni, un calo del 2%, rispettivamente (Figura 2).

Terzo, la migrazione internazionale NON viene risolta da muri alti , lunghe recinzioni, pattuglie marittime, visti per immigrati o richieste di non venire. L’immigrazione è una crisi del XXI secolo con i numeri di coloro che desiderano migrare che superano di gran lunga i livelli accettabili per i Paesi di destinazione. I governi, le agenzie internazionali e le organizzazioni regionali non hanno escogitato soluzioni praticabili per affrontare l’immigrazione. Le autorità sembrano perplesse su cosa fare riguardo alle ondate di migranti che desiderano un lavoro, chiedono asilo, cercano rifugio, scappano dal cambiamento climatico e rischiano la vita per condizioni di vita dignitose. Inoltre, la maggior parte dei migranti non autorizzati non viene rimpatriata. Una volta che i migranti non autorizzati sono in un Paese, i governi incontrano difficoltà a rimandarli nei loro Paesi d’origine. Dopo un lasso di tempo, a coloro che sono stabiliti può essere offerta un’amnistia o un percorso per la cittadinanza. Tuttavia, tali azioni possono anche fungere da incentivo per altri a migrare illegalmente.

Quarto, la dimensione della popolazione NON è irrilevante per il cambiamento climatico, il degrado ambientale, la perdita di biodiversità e l’inquinamento. Maggiore è la dimensione della popolazione, maggiori sono le conseguenze sul clima, l’ambiente, la biodiversità e l’inquinamento attraverso l’aumento della domanda di energia, acqua, cibo, alloggi, terra, risorse, beni materiali, macchinari, trasporti, ecc. I leader di governo e molti dei loro consulenti economici non sono disposti a riconoscere che la stabilizzazione della popolazione e la decrescita sono essenziali per affrontare il cambiamento climatico. Come testimoniato dalla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow, dove la limitazione della crescita della popolazione non faceva parte dei negoziati sui cambiamenti climatici. Contrariamente alla maggior parte dei leader nazionali che favoriscono la crescita continua delle rispettive popolazioni, migliaia di scienziati in tutto il mondo stanno esortando i governi a stabilizzare o ridurre le dimensioni delle loro popolazioni insieme ad altre azioni critiche relative all’energia, agli inquinanti di breve durata, alla natura, al cibo e l’economia. Tali azioni contribuirebbero in modo significativo agli sforzi per affrontare il cambiamento climatico e il degrado ambientale.

Quinto, l’invecchiamento della popolazione umana NON è un fenomeno temporaneo e la maggior parte dei governi è mal preparata ad affrontarne le conseguenze di vasta portata. Per la maggior parte dei Paesi e gran parte del mondo, le popolazioni giovani sono il passato e le popolazioni significativamente più anziane sono il futuro inevitabile.  L’invecchiamento della popolazione è il risultato di tassi di natalità più bassi e maggiore longevità. Il tasso di fertilità mondiale è la metà del livello degli anni ’50, 5 contro 2,5 nascite per donna, e da allora l’aspettativa di vita alla nascita è aumentata di oltre il 50%, da 47 a 73 anni. L’invecchiamento della popolazione colpisce sempre più aspetti fondamentali delle società umane, tra cui economia, tasse, occupazione, alloggi, pensioni, assistenza sanitaria e disabilità. Piuttosto che sperare in un ritorno alle strutture dell’età giovanile, i funzionari governativi, i dirigenti d’azienda e altri devono prepararsi all’invecchiamento della popolazione.

Sesto, i vaccinati e i non vaccinati per il coronavirus NON hanno tassi di mortalità e morbilità simili. Essere vaccinati riduce sostanzialmente le possibilità di morte e malattia a causa del virus. Restare non vaccinati si traduce inequivocabilmente in tassi più elevati di mortalità e morbilità. Sfortunatamente, questi livelli più elevati hanno contribuito al calo dell’aspettativa di vita alla nascita e a comunità pesantemente gravate in cui un gran numero di persone rimane non vaccinato. In breve, essere non vaccinati aumenta le possibilità di morte e malattia a causa del coronavirus. Al contrario, i vaccini contro il coronavirus, come i vaccini del passato per le principali malattie, come vaiolo, tetano, epatite, rosolia, pertosse, polmonite, morbillo e poliomielite, sono efficaci nel ridurre i tassi di mortalità, le malattie, la diffusione del virus e i costi sociali.

Settimo, le donne NON vogliono rimanere in casa. Durante il XX secolo, sono stati raggiunti significativi progressi sociali, economici e politici nell’uguaglianza delle donne. Tale progresso è stato notevolmente facilitato dal miglioramento della salute, dell’istruzione, dell’occupazione, dell’urbanizzazione delle donne, dal ritardo del matrimonio e dalla gravidanza e dal calo delle dimensioni della famiglia. La tradizionale mamma casalinga viene sempre più sostituita dalla mamma che lavora. Un numero crescente di donne è alla ricerca di istruzione superiore, carriera, indipendenza economica e identità sociale personale. Inoltre, molte donne non vogliono tornare alle disuguaglianze matrimoniali in cui i mariti erano capifamiglia, prendevano decisioni importanti e controllavano finanze e proprietà. Tuttavia, alcuni gruppi conservatori stanno resistendo ai tentativi di raggiungere l’uguaglianza di genere e cercano di mantenere ruoli e stili di vita tradizionali. In parole povere, quei gruppi vogliono che le donne rimangano in casa e amino, onorino e obbediscano ai loro mariti.

Ottavo, le coppie NON vogliono avere molti figli . Nonostante le crisi isteriche pubbliche, le politiche e gli incentivi di amministratori, business leaders e altri volti noti per aumentare la fertilità, è improbabile che i tassi di natalità tornino ai livelli relativamente alti del passato. In un Paese dopo l’altro, la maggior parte delle coppie che decidono di avere figli ne hanno uno o due. Poiché un minor numero di donne dà alla luce quattro o più bambini, i tassi di fertilità sono diminuiti in tutte le principali regioni. Fatta eccezione per l’Africa subsahariana, nei prossimi decenni i tassi di fertilità della maggior parte dei Paesi saranno probabilmente inferiori alla sostituzione (Figura 3).

Nono , la maggior parte delle nazioni NON è contraria all’aborto. I Paesi si differenziano nelle loro politiche in materia di aborto a seconda dei motivi specifici. Gli aborti sono consentiti nel 98% dei Paesi per salvare la vita della donna, nel 72% per la salute fisica della donna, nel 60% per stupro, incesto o danno fetale e nel 34% su richiesta della donna (Figura 4). Negli ultimi cinque decenni si è verificata una tendenza inconfondibile verso la liberalizzazione delle leggi sull’aborto. La tendenza ha coinciso con un calo dei tassi di aborto in tutto il mondo. Rendere illegali gli aborti, tuttavia, non impedisce che si verifichino aborti. Anche quando gli aborti sono severamente limitati, gli aborti illegali avvengono in numero relativamente elevato. Circa l’8% delle morti materne a livello globale sono il risultato di complicazioni dovute ad aborti non sicuri, con quasi tutti i decessi nei Paesi in via di sviluppo.

Decimo , la famiglia tradizionale NON è la norma sociale dominante in tutto il mondo. Un padre lavoratore, una mamma casalinga, diversi figli e un matrimonio “finché morte non ci separi” sono sempre più caratteristiche delle famiglie del passato. In molti Paesi essere sposati è diventato meno necessario per la sopravvivenza finanziaria, l’interazione sociale e la realizzazione personale. Sempre più persone convivono, una percentuale crescente di coppie partorisce al di fuori del matrimonio e molti governi aiutano le famiglie con un solo genitore. Inoltre, i matrimoni tra persone dello stesso sesso vengono celebrati e riconosciuti in 31 Paesi.

In conclusione, è preoccupante che il negazionismo demografico si stia diffondendo nei Paesi del mondo. Alcuni non solo negano le realtà demografiche, ma diffondono anche falsità. Presentare le realtà demografiche e le probabili tendenze future in modo aperto, accurato e obiettivo può contribuire a sfatare il negazionismo demografico.

 

189 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria