Mercoledì, 08 dicembre 2021 - ore 16.42

L’inquinamento atmosferico è ancora troppo elevato nella maggior parte degli Stati UE

Concentrazioni dei principali inquinanti atmosferici ancora troppo elevate nella maggior parte dei paesi europei, che superano almeno uno o più limiti legali dell’UE per gli inquinanti nell’aria.

| Scritto da Redazione
L’inquinamento atmosferico è ancora troppo elevato nella maggior parte degli Stati UE

Il paper dell’AEA, l’Agenzia  europea dell’ambiente, “Stato della qualità dell’aria in Europa 2021” pubblicato questa settimana presenta gli ultimi dati ufficiali per il 2019, nonché i dati provvisori per il 2020, sulle concentrazioni dei principali inquinanti atmosferici misurati in oltre 4.500 stazioni di monitoraggio in 40 paesi europei.

I dati dell’AEA mostrano che l’inquinamento atmosferico è ancora un grave rischio per la salute degli europei. Nell’Europa centrale e orientale la combustione di combustibili solidi per il riscaldamento domestico e industriale provoca elevate concentrazioni di particolato sia fine che grossolano, nonché di benzo[a]pirene, un noto cancerogeno. L’esposizione al particolato fine provoca malattie cardiovascolari, cancro ai polmoni e altre malattie che portano a morti premature. Nelle grandi città persistono alte concentrazioni di biossido di azoto dovute al traffico stradale, con biossido di azoto legato ad asma e problemi respiratori. E, soprattutto nell’Europa meridionale, gli inquinanti emessi dalle attività umane reagiscono al calore e alla luce solare per produrre alte concentrazioni di ozono troposferico, legate a malattie cardiovascolari e irritazioni agli occhi, al naso e alla gola.

I principali risultati:

  • Particolato (PM10): 21 paesi (di cui 16 Stati membri dell’UE) hanno registrato concentrazioni superiori al valore limite giornaliero dell’UE nel 2019, mentre 31 paesi hanno registrato concentrazioni superiori alle linee guida più rigorose dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dal 2005.
  • Particolato fine (PM2,5): 7 paesi (di cui 4 Stati membri dell’UE) hanno registrato concentrazioni superiori al valore limite annuale dell’UE nel 2019, mentre 28 paesi hanno registrato concentrazioni superiori alle linee guida dell’OMS del 2005.
  • Ozono a livello del suolo (O3): 24 paesi (di cui 19 Stati membri dell’UE) hanno registrato concentrazioni superiori al valore limite annuale dell’UE nel 2019, mentre tutti i paesi hanno registrato concentrazioni superiori alle linee guida dell’OMS del 2005.
  • Biossido di azoto (NO2): 22 paesi (di cui 18 erano Stati membri dell’UE) hanno registrato concentrazioni superiori al valore limite annuale dell’UE nel 2019, che è lo stesso della linea guida dell’OMS del 2005.

I dati dell’AEA mostrano che la qualità dell’aria in Europa è migliorata nel 2020, poiché le restrizioni e lockdown per controllare la diffusione del COVID-19 hanno portato a un calo delle emissioni dei trasporti, combinate con modelli meteorologici favorevoli. Un’analisi dell’AEA degli impatti dei blocchi dovuti a COVID-19 sulla qualità dell’aria nel 2020 è presentata in un briefing separato e più ampiamente nel rapporto 2020 sulla qualità dell’aria in Europa.

L’OMS ha stabilito linee guida sulla qualità dell’aria per proteggere la salute umana dagli impatti degli inquinanti atmosferici. Queste linee guida sono del 2005 e si basano sulle migliori prove scientifiche disponibili in quel momento. L’OMS dovrebbe pubblicare nuove linee guida sulla qualità dell’aria a breve.

Le direttive UE sulla qualità dell’aria ambiente fissano valori massimi per un totale di 13 inquinanti atmosferici. Sebbene questi valori tengano conto delle linee guida pertinenti dell’OMS, riflettono anche la fattibilità tecnica ed economica del loro raggiungimento negli Stati membri dell’UE. Per la maggior parte degli inquinanti atmosferici, gli standard di qualità dell’aria dell’UE sono meno rigorosi delle linee guida sulla qualità dell’aria dell’OMS del 2005.

Altre risorse chiave:

  • L’indice europeo della qualità dell’aria (European Air Quality Index) mostra dati sulla qualità dell’aria quasi in tempo reale per l’Europa, consentendo agli utenti di controllare la qualità dell’aria locale nel luogo in cui vivono o viaggiano.
  • Il visualizzatore della qualità dell’aria delle città europee (European city air quality viewer) confronta i livelli medi di particolato fine in 323 città europee, negli ultimi due anni solari.
  • Il visualizzatore di dati nazionali sulle emissioni di inquinanti atmosferici dà accesso ai dati più recenti sulle emissioni di inquinanti atmosferici, riportati dagli Stati membri dell’UE ai sensi della direttiva sugli impegni nazionali di riduzione delle emissioni (NEC).
  • Il data center sulla qualità dell’aria dà accesso a tutti i dati rilevanti dell’AEA sulla qualità dell’aria in Europa.
  • La pagina “Inquinamento atmosferico: come influisce sulla nostra salute” (Air pollution: how it affects our health) mostra come l’esposizione al particolato fine contribuisce alla malattia e alla morte prematura in Europa e come questo onere è distribuito nella società europea.

(Fonte European Environment Agency)

123 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria