Domenica, 17 novembre 2019 - ore 15.43

L'Epifania töte le féeste le pòorta vìa. Proverbi Cremonesi

| Scritto da Redazione
L'Epifania töte le féeste le pòorta vìa. Proverbi Cremonesi

L'Epifania töte le féeste le pòorta vìa. Proverbi Cremonesi

L'Epifania töte le féeste le pòorta vìa.

L'Epifania tutte le feste porta via.

Sono finite le feste cominciate praticamente nei primi giorni di novembre, con i Santi e i Morti.

Quàant brüüza la cà del vezéen la tùa la sèent de stréen

Quando brucia la casa del vicino, la tua ha odore di bruciaticcio.
Il proverbio ha un senso e di preferenza viene usato parlando di responsabilità o di complicità in affari poco puliti.

El préet el stà vìif de càarne mòorta
el dutùur el stà vìif de càarne malàada
l'aucàat el sta vìif de càarne cuntrastàada.

Il prete sta vivo di carne morta (trae vantaggio dai funerali), il dottore sta vivo di carne ammalata, l'avvocato sta vivo di carne in contrasto (persone in lite).

L'è mèi scampàa da véc che móorer gióovin

E' meglio campare da vecchio che morire giovani
Meglio, cioè, patire gli acciacchi della vecchiaia che morire giovani, pieni di vitalità

En bòon cudeghìin
el và mangiàat cul cüciarìin.

Un buon cotechino va mangiato con il cucchiaino.
Per dire che va mangiato ben cotto, quasi da struggersi.

El vilàan, o fèen o pàja,
vergùt el màja;
o néef, o birél o véen
vergùt el béef.

Il villano, o fieno o paglia, qualcosa mangia; o neve o vinello o vino, qualcosa beve.
Il proverbio vuole significare che in campagna non manca mai del tutto di che mangiare e bere.

El vìin de n'àn
el pàan d'en dé
la dùuna de desdòt àn

Il vino di un anno, il pane di un giorno, la donna di diciotto anni.
Come enunciazione di gusti, non è che da approvare con calore.

 

Dario Arrigoni
https://www.facebook.com/ad1960

Gruppo del dialetto e poesia cremonese

https://www.facebook.com/groups/1410077972540325/?fref=ts

2014-01-05



 

1667 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria