Giovedì, 18 luglio 2019 - ore 00.21

Lodi - Teatro scuola, 11-16 maggio nuova edizione della rassegna

Il 'Provolone' ritorna protagonista sul palcoscenico delle Vigne

| Scritto da Redazione
Lodi - Teatro scuola, 11-16 maggio nuova edizione della rassegna

L'esperienza del teatro scuola, ideata e condotta dal 'Laboratorio degli Archetipi' è giunta alla XXIX edizione.

Il caleidoscopio di appuntamenti che si snodano al Teatro alle Vigne coinvolge 1.272 bambini e 119 tra insegnanti ed educatori in 12 Istituti scolastici lodigiani - scuole elementari, medie e superiori - oltre all'Università delle tre età, il SFA CSE 'Il Girasole' e il 'Fatebenefratelli' di S. Colombano al Lambro. 

L'ingresso agli spettacoli è gratuito, sino ad esaurimento posti.

Presentazione

di G. Camuri, coordinatore del progetto

Quattrocento anni sono appena trascorsi dalla morte di William  Shakespeare. 

In lui  l'antico seme gettato nella terra dell'immaginazione dai primi tragediografi greci è diventato un robusto e frondoso albero, la cui ombra si è proiettata nel tempo a venire. Quella prima rivoluzione della parola poetica, che ad Atene, in occasione delle feste in  onore di Dioniso, si era avviata a esplorare l'universo  degli intrecci interpersonali, dei moti profondi e ambigui dell'anima, degli accadimenti  che segnano i comportamenti dei singoli e dei gruppi, si rinnova    e si amplifica nell'opera del drammaturgo inglese così  radicalmente orientata  alla trasposizione nei linguaggi della rappresentazione scenica di vicende storicamente accadute ma ugualmente  operanti negli anfratti  inconsci di un presente  che prefigura scenari di possibilità future.   

Se il Teatro dopo  la tragedia greca e  dopo l'invenzione del dramma shakespiriano non può essere avulso dalla storicità delle vite dei singoli e dei popoli, anche e soprattutto il Teatro praticato nella Scuola come laboratorio di  esperienza formativa  deve avere nella conoscenza e nella coscienza della Storia  il suo focus privilegiato.  Da  questo imprescindibile nesso  di Storia e Teatro deriva lo sguardo sull'oggi che ha orientato il lavoro delle scuole e dei gruppi che hanno aderito al progetto Odissee. Attraverso il destino di Ulisse l'Odissea, l'opera che con l'Iliade ha inaugurato la storia della letteratura greca e di conseguenza la storia delle letterature occidentali, mette in scena l'umana avventura con gli inevitabili scacchi, con  le infinite aspirazioni, con le  fragilità e le faticose risalite. Da qui la traslazione del titolo dell'opera omerica  ad un campo più vasto di significati che si raccolgono attorno all'esistenza in quanto tale, così da qualificarne  il senso contenuto in quel “ex-sistere” che esprime la tonalità di un vivere,  che dalla nascita, e forse ancor prima della nascita, è chiamato a progettarsi in un continuo rapporto con limiti, ostacoli e opportunità.  

E' difficile pensare all'esistenza di un uomo o di una donna  nel  corso delle sue diverse stagioni  senza piccole o grandi avventure che talvolta si possono anche chiamare disavventure. Vi sono odissee interiori ed odissee dettate da avvenimenti esterni. Vi sono odissee che riguardano singole vite, ma vi sono anche odissee che travolgono o sconvolgono la vita di molti individui, di intere comunità. Vi sono odissee che hanno lasciato nella storia segni profondi, incancellabili, che hanno mutato o possono ancora mutare le vicende dei popoli. Apportando cambiamenti nelle abitudini, negli stili di vita, le odissee possono tuttavia divenire fonti di grandi novità sul piano delle conoscenze e della cultura.   

Dalla Scuola dell'Infanzia alla Primaria, dalla Scuola media alla Scuola superiore, dai tre centri del Fatebenefratelli di San Colombano al Lambro alla Casa Circondariale di Lodi sino  all'UniTre il racconto di Omero e la parola Odissea  sono stati declinati in molti modi. Si sono cercate odissee tra i canti dell'Odissea, nei racconti della Bibbia, nelle leggende d'Oriente, nelle storie di mare, nella narrativa contemporanea,  tra dipinti e tradizioni musicali, nella ricostruzione di mappe immaginarie, nelle storie vere, che raccontano delle difficoltà dell'andare a scuola (se le scuole sono lontane o se i sistemi totalitari impediscono l'istruzione), delle difficoltà di trovare lavoro, della necessità di migrare o di fuggire alla guerra. Si è data alla fine voce alle odissee di chi disabile o di chi uscito da malattie invalidanti o da comunità  o da carceri cerca la via di inclusioni che paiono talvolta  irraggiungibili. 



 

 (744.98 KB)Il programma del 'Provolone' 2016 (744.98 KB)

697 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Il Festival del Cinema Africano, dell’Asia e America Latina a Lodi Evento del 28 marzo

Il Festival del Cinema Africano, dell’Asia e America Latina a Lodi Evento del 28 marzo

L’Associazione COE e il Movimento per la Lotta contro la Fame nel Mondo, patrocinati dal Comune di Lodi e con il contributo della Fondazione BPL, sono lieti di portare a Lodi una giornata del Festival del Cinema Africano, dell’Asia e dell’America Latina presso il Cinema Fanfulla per una matinées dedicata agli studenti delle scuole secondarie di 1° e 2° grado. Un’opportunità unica per conoscere il mondo e l'attualità attraverso il cinema.