Lunedì, 18 novembre 2019 - ore 05.01

Via Palestro, Pisapia: 'Intitoleremo giardini di via Morgagni alle vittime attentato del 1993'

Il Sindaco: “Milano non dimentica mai”

| Scritto da Redazione
Via Palestro, Pisapia: 'Intitoleremo giardini di via Morgagni alle vittime attentato del 1993'

Milano avrà un nuovo luogo della memoria. I giardini di via Morgagni saranno intitolati alle vittime della strage di via Palestro. Lo ha annunciato il Sindaco Giuliano Pisapia intervenendo alla cerimonia di commemorazione in occasione del XXII anniversario dell'attentato del 1993, quando una bomba esplose davanti alla Galleria d’Arte Moderna e al Padiglione d’Arte Contemporanea causando 5 morti: l’agente Alessandro Ferrari, i vigili del fuoco Carlo La Catena, Sergio Pasotto e Stefano Picerno e il cittadino del Marocco Driss Moussafir. 

Alla cerimonia erano presenti anche il Comandante della Polizia Locale Tullio Mastrangelo, il Direttore Regionale di Vigili del Fuoco della Lombardia Dante Pellicano e il Comandante provinciale Silvano Barberi, oltre alle altre autorità civili e militari.

“Sono passati ventidue lunghi anni da quando quella notte del 27 luglio il fragore assordante risuonò da via Palestro e colpì la nostra città e l'intero Paese, era la stagione delle bombe. Milano, Firenze, Roma furono colpite per destabilizzare lo Stato. Furono momenti di dolore, di disperazione, ma già dal giorno dopo reagimmo a questo attacco. Da qui partì un’onda di ribellione e di lotta contro le mafie che coinvolse cittadini, istituzioni, imprese e Forze dell'Ordine. Una battaglia che ancora oggi portiamo avanti perché non dobbiamo mai abbassare la guardia”, ha dichiarato il Sindaco Pisapia. 

“Perché ci siano sempre gli anticorpi per contrastare ogni violenza, ogni attacco di stampo mafioso come è stato riconosciuto di recente anche quello di via Palestro, è necessario non dimenticare. È per questo che oltre alla targa apposta sul luogo della strage, abbiamo deciso di dedicare ad Alessandro, Carlo, Sergio, Stefano e Driss, le 5 vittime dell’attentato, i giardini di via Morgagni con una cerimonia che si terrà a settembre. I giardini sono un luogo frequentato anche dai bambini e sono convinto che le giovani generazioni debbano conoscere fatti, nomi, luoghi. La memoria è il monito più importante per vivere il futuro”, ha concluso il Sindaco. Il personale e i servizi della struttura sono garantiti attualmente da tre donne (a regime fino a dieci) tra quelle che si sono rivolte all’Associazione Casa delle donne maltrattate che, costituitesi in Cooperativa, hanno trovato nello sviluppo imprenditoriale di tale progetto un’opportunità di crescita professionale e reinserimento sociale.

“Sono particolarmente orgogliosa di questo risultato ottenuto grazie all’iniziativa del Comune di Milano, che ha posto le basi per un’attività di massima importanza, e con il concreto e fondamentale appoggio della nostra associazione, da sempre impegnata per l’autonomia e la libertà delle donne", ha dichiarato Manuela Ulivi, Presidente Casa di accoglienza donne maltrattate, che ha proseguito “Ci auguriamo che questo progetto abbia grande successo ed estendiamo l’augurio a tutte le donne che hanno reso concreto questo obiettivo.”

Il progetto, realizzato dal Comune grazie ai fondi ministeriali per il sostegno alle imprese, ha visto un contributo complessivo di circa 350mila euro, prevalentemente utilizzati per la messa a norma degli impianti e la ristrutturazione completa degli spazi. Dato l’elevato valore sociale dell’iniziativa, l’Arma dei Carabinieri, che attualmente occupa lo stabile di proprietà comunale, ha accolto la sperimentazione in favore delle donne e dei familiari dei degenti dello IEO. Per prenotazioni  e info consultare il sito. www.ri-milano.it

Fonte: Comune di Milano

 

1137 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Lecco 25 aprile: tutte le iniziative per il 73° anniversario della Liberazione

Lecco 25 aprile: tutte le iniziative per il 73° anniversario della Liberazione

Mercoledì 25 aprile alle 11 in municipio le celebrazioni ufficiali In occasione delle annuali celebrazioni per l'anniversario della Liberazione, Comune di Lecco e Provincia di Lecco propongono una serie di iniziative che prenderanno le mosse dalla riproposizione della nota mostra sui deportati lecchesi del Trasporto 81 "In treno con Teresio" curata da Maria Antonietta Arrigoni e Marco Savini in collaborazione con ANED Pavia e ANPI provincia di Lecco, da un progetto dell'Associazione Nazionale ex Deportati dei Campi Nazisti - sezione di Pavia, arricchito di 4 tavole che focalizzano l'attenzione sui protagonisti del nostro territorio.
Pavia Nuovo appuntamento al Ghislieri con il ciclo Filosofia e Religione

Pavia Nuovo appuntamento al Ghislieri con il ciclo Filosofia e Religione

Dopo il cristianesimo è la volta dell'ebraismo. Prossimo appuntamento lunedì 13 marzo con un intervento sull'Islam . PAVIA Mercoledì 8 marzo alle 18.00 presso l'Aula Goldoniana del Collegio Ghislieri, secondo appuntamento del ciclo di incontri Filosofia e Religione, organizzato da Philosophicum Ghislieri, associazione studentesca fondata nel 2013 al Ghislieri con l'intento di promuovere la pratica filosofica.