Martedì, 27 settembre 2022 - ore 21.48

La Russia: il nucleare è molto pericoloso. Ricordatevi di Chernobyl e Fukushima

Il bombardamento della centrale nucleare di Zaporozhye potrebbe portare a uno scenario peggiore

| Scritto da Redazione
La Russia: il nucleare è molto pericoloso. Ricordatevi di Chernobyl e Fukushima

Intervenendo alla conferenza stampa che si è tenuta ieri a Kiev dopo il meeting con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy e quello turco Recep Tayyip ErdoÄŸan, il segretario generale dell’Onu, António Guterres, ha detto che lo slancio positivo sulla storica iniziativa per i cereali del Mar Nero per aiutare le persone vulnerabili ad accedere al cibo riflette una vittoria della diplomazia per coloro che sono coinvolti in una crisi del costo della vita e per i laboriosi agricoltori ucraini. Nonostante la Black Sea Grain Initiative sia stata  firmata  poche settimane fa, non c’è soluzione alla crisi alimentare globale senza garantire il pieno accesso globale ai prodotti alimentari dell’Ucraina e al cibo e ai fertilizzanti russi. In meno di un mese, 21 navi sono partite dai porti ucraini e 15 navi hanno lasciato Istanbul per l’Ucraina per fare il carico di grano e altre forniture alimentari. Mentre parliamo, più di 560.000 tonnellate di grano e altri alimenti prodotti dagli agricoltori ucraini stanno arrivando ai mercati di tutto il mondo, inclusa la prima nave noleggiata dalle Nazioni Unite che trasporta grano ucraino alle persone che nel Corno di L’Africa soffrono per la peggiore siccità degli ultimi decenni. Nel frattempo, sono emersi segnali che indicano che i mercati alimentari globali stanno iniziando a stabilizzarsi poiché i prezzi del grano sono scesi dell’8% in seguito alla firma degli accordi e dell’Indice Fao dei prezzi alimentari e del 9% a luglio, il calo più grande dal 2008.

Sebbene la maggior parte dei prodotti alimentari siano attualmente scambiati a prezzi inferiori ai livelli prebellici, sono ancora molto alti. Non facciamo illusioni: c’è ancora molta strada da fare prima che questo si traduca nella vita quotidiana delle persone nelle loro panetterie locali e nei loro mercati. Le catene di approvvigionamento sono ancora interrotte e i costi energetici e di trasporto restano inaccettabilmente elevati».

Guterres ha però fatto notare «La rarità e la fragilità intrinseca degli accordi» e ha sostenuto che «Devono essere costantemente nutriti. Mentre il Joint Coordination Center  (JCC) continua a lavorare in modo professionale e in buona fede per mantenere il cibo in circolazione, faccio appello affinché le persone coinvolte superino tutti gli ostacoli in uno spirito di compromesso e risolvano permanentemente tutte le difficoltà. Portare cibo e fertilizzanti dall’Ucraina e dalla Russia in quantità maggiori è fondamentale per calmare ulteriormente i mercati delle materie prime e abbassare i prezzi, ed è essenziale per fornire sollievo ai più vulnerabili. E’ urgente invertire la turbolenza nel mercato globale dei fertilizzanti, che attualmente sta minacciando i raccolti della prossima stagione, compreso un alimento base mondiale, il riso. Nel frattempo, le Nazioni Unite continueranno a essere solidali con il popolo ucraino e i partner nazionali per aiutare a fornire sostegno umanitario alle persone bisognose ovunque sia necessario. Faremo del nostro meglio per aumentare le nostre operazioni per affrontare il difficile inverno che verrà».

Il capo dell’Onu ha ricordato che «Il cuore del problema che ci porta qui resta la guerra. L’invasione russa è una violazione dell’integrità territoriale dell’Ucraina e della Carta delle Nazioni Unite. La guerra ha inflitto innumerevoli morti, massicce distruzioni, sfollamenti e drammatiche violazioni dei diritti umani. In linea con la Carta e il diritto internazionale, le persone hanno bisogno di pace».

Poi Guterres ha espresso «Grave preoccupazione per l’evolversi della situazione dentro e intorno alla più grande centrale nucleare d’Europa, a Zaporizhzhia. Deve prevalere il buon senso per evitare qualsiasi azione che possa mettere in pericolo l’integrità fisica, la sicurezza delle persone o la sicurezza della centrale nucleare. L’impianto non deve essere utilizzato come parte di alcuna operazione militare. E’ urgentemente necessario un accordo per ristabilire Zaporizhhia come infrastruttura puramente civile e garantire la sicurezza dell’area».

Il segretario generale dell’Onu si è detto convinto «Dopo aver effettuato una valutazione, con l’accordo di Russia e Ucraina, di poter supportare il supervisore nucleare dell’Organizzazione, l’International atomic energy agency (Iaea) nel condurre una missione alla centrale nucleare di Zaporizhzhia (ZNPP). L’equipaggiamento e il personale militare dovrebbero essere ritirati dall’impianto, nessun’altra forza o equipaggiamento dovrebbe essere dispiegato lì e l’area deve essere smilitarizzata. Ogni potenziale danno a Zaporizhzhia è un suicidio».

Ma il vicedirettore del Dipartimento per la non proliferazione e il controllo degli armamenti del ministero degli esteri ruuso, Igor Vishnevetsky. Ha mandato a dire a Guterres che «La delegazione dell’Iaea non può visitare la centrale nucleare di Zaporizhzhia fino a quando la parte ucraina non smetterà di bombardare l’impianto. Occorre fermare i bombardamenti da parte ucraina. Nessuna delegazione può arrivarvi se sono in corso bombardamenti, è pericoloso».

Mentre a Kiev Guterres incontrava Zelenskyy ed ErdoÄŸan, a Mosca il capo delle truppe di difesa nucleare, biologica e chimica, Igor Kirillov, as Mosca il luogotenente generale Igor Kirillov, capo delle truppe di protezione nucleare, biologica e chimica della Russia, ha rilanciato tutte le accusa contro l’ucraina: «Il ministero della Difesa russo sta analizzando l’evoluzione della situazione nella centrale nucleare di Zaporozhye. Dal 18 luglio 2022, la stazione è stata oggetto di bombardamenti sistematici da parte delle forze armate ucraine utilizzando più lanciarazzi, artiglieria e veicoli aerei senza pilota. Al 18 agosto 2022 si sono verificati 12 bombardamenti, durante i quali sono stati rilevati più di 50 proiettili di artiglieria e 5 droni kamikaze sul territorio della centrale nucleare e della città di Energodar. Il ministero della Difesa russo ha condotto un’indagine e ha stabilito che gli attacchi sono stati lanciati dalla direzione degli insediamenti di Marganets e Nikopol. Il bombardamento ha provocato danni ai sistemi di supporto ausiliari dell’impianto e alle strutture di supporto vitale a Energodar».

La Russia accusa l’Ucraina e i suoi alleati statunitensi di voler provocare «Quello che ritengono essere un incidente minore alla centrale nucleare e interrompendo così il normale e sicuro funzionamento dell’impianto, incolpandone la Russia». L’Ucraina ha ripetutamente affermato che sono le forze armate russe ad auto-bombardare la centrale nucleare, dove i russi nasconderebbero armi pesanti che vengono utilizzate per sparare sulle forze armate ucraine.

Iil ministro della difesa russo ha detto a Guterres che «Siamo pronti a fornire all’Iaea immagini reali ad alta risoluzione, un campione di slide, che mostra che non posizioniamo armi, tanto meno pesanti, sul territorio di questo impianto.  Sappiamo che con un gran numero di satelliti militari e commerciali stranieri, le stesse informazioni possono essere presentate all’opinione pubblica globale da parte degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti tacciono su dati oggettivi sui bombardamenti e sulla situazione alla centrale nucleare, incoraggiando così l’impunità per il regime di Kiev e contribuendo a una possibile catastrofe nucleare in Europa».

Kirillov ha aggiunto: «Vorrei sottolineare che non è un caso che i media citino ampiamente le conclusioni di esperti dell’American Arms Control and Disarmament Agency (Washington, D.C.) e di altre istituzioni simili dei Paesi occidentali, piuttosto che l’Iaea che ha il diritto di trarre tali conclusioni, sul fatto che sembra improbabile che si verifichi una catastrofe su larga scala alla ZNPP. Secondo loro, i rifugi di cemento dei suoi reattori nucleari hanno uno spessore di 10 metri e l’impianto è stato progettato e costruito anche per far fronte a incidenti come l’impatto di un aereo civile. Tuttavia, non si può escludere che un colpo diretto di proiettili di artiglieria di grosso calibro in una struttura di stoccaggio a secco di combustibile nucleare esaurito comporterebbe una contaminazione radioattiva dell’area entro un raggio fino a 20 km e una situazione di emergenza in un reattore di  impianto nucleare entro 30 km al massimo. Si sottolinea che i rischi di diffusione delle radiazioni in tutta Europa sono stimati minimi. Pertanto, secondo gli esperti statunitensi, le conseguenze dell’incidente nucleare alla centrale nucleare di Zaporozhye sarebbero limitate e non interesserebbero il territorio dei Paesi europei. Tuttavia, vorrei ricordare al Segretariato delle Nazioni Unite e all’intera comunità mondiale che la causa principale degli incidenti alla centrale di Chernobyl e alla centrale nucleare di Fukushima, nonostante nel primo caso ci fossero in atto test sui reattori nucleari e nel secondo caso ci sia stata una terremoto e tsunami, è stato il guasto dei sistemi di supporto, l’interruzione dell’alimentazione elettrica, il blackout parziale e completo dei sistemi di raffreddamento, che ha portato al surriscaldamento del combustibile nucleare e alla distruzione del reattore».

E proprio dalla nuclearissima Russia, che ha vissuto sulla sua pelle – come l’Ucraina e la Bielorussia- una tragedia nucleare, viene una dura lezione ai fan del nucleare che stanno rialzando la testa anche nella campagna elettorale italiana: «A seguito dell’incidente di Chernobyl, più di 20 paesi europei sono stati contaminati da isotopi radioattivi. Circa 4.000 persone sono morte a causa dell’esposizione diretta alle radiazioni, decine di migliaia di casi di deformità genetiche nei neonati e centinaia di migliaia di casi di cancro. Escludendo le conseguenze dell’evacuazione forzata, fino a 100.000 persone e oltre 5,5 milioni di persone hanno ricevuto una dose maggiore di radiazioni. A Fukushima, solo a prima vista le conseguenze possono sembrare minori. Fino a 500.000 persone sono state evacuate con la forza in più fasi e le conseguenze dell’acqua radioattiva scaricata nell’oceano saranno sentite dai posteri. Sembra essere stato dimenticato. Secondo i nostri esperti, una situazione simile potrebbe verificarsi nella centrale nucleare di Zaporozhye a causa delle azioni dell’AFU». Le forze armate ucraine.

Kirillov fa l’esempio di quel che potrebbe succedere: «In caso di guasto dei generatori diesel di riserva e delle pompe mobili, in una situazione di emergenza il nocciolo si surriscalderà e di conseguenza distruggerà gli impianti del reattore della più grande centrale nucleare d’Europa, rilasciando sostanze radioattive nell’atmosfera e diffondendole a centinaia di chilometri di distanza. Tale emergenza provocherebbe una migrazione di massa della popolazione e avrebbe conseguenze più catastrofiche dell’imminente crisi energetica del gas in Europa, come previsto da alcune organizzazioni europee specializzate».

I russi hanno accusato il governo ucraino di voler organizzare un attacco/provocazione alla ZNPP  proprio mentre il segretario generale dell’Onu è in visita in Ucraina, che termina oggi. Secondo Kirillov Kiev aveva in programma di «Organizzare una provocazione per mettere in scena un disastro causato dall’uomo alla Zaporozhye NPP, che consiste in una perdita di radiazioni, che distrugge l’integrità dell’impianto di stoccaggio delle scorie nucleari e pone il reattore NPP in uno stato operativo anormale. Tutto ciò, secondo le loro intenzioni, dovrebbe essere una conseguenza dell’azione militare delle forze armate russe sul territorio della centrale nucleare e dell’incompetenza degli specialisti russi coinvolti nel funzionamento dell’impianto nucleare. Ai fini della messa in scena, l’AFU prevede di schierare cposti di osservazione delle radiazioni nelle formazioni, unità militari e sottounità schierate nella regione di Zaporozhye in Ucraina, che fanno parte della task force Dneper, per fornire al 100% dei militari equipaggiamento di protezione NBC, condurre una formazione sulla protezione chimica e dalle radiazioni e altre misure di sicurezza per la visita di Guterres. In particolare, è stato ordinato alle unità della 44a Brigata di artiglieria di essere pronte entro il 19 agosto, ad agire in condizioni di contaminazione radioattiva del terreno. Anche le unità del 704° reggimento separato del reggimento NBCP dell’AFU vengono ridistribuite nell’area della centrale nucleare di Zaporozhye.

Sono previsti attacchi di artiglieria sulla ZNPP dalla città di Nikopol. Questo “spettacolo” sarà accompagnato da allarmi pubblici sull’aumento dei livelli di radiazioni e altri “effetti speciali”. La messa in scena è in corso per influenzare il segretario generale dell’Onu e la comunità internazionale a nascondere le decisioni favorevoli a Kiev.

L’obiettivo finale della provocazione è creare una zona di esclusione fino a 30 km, portare forze internazionali e osservatori stranieri nel territorio della ZNPP e accusare le forze armate russe di terrorismo nucleare».

Per ora non è successo niente dello scenario di provocazione militare prospettato dai russi, ma Kirillov ha concluso la sua conferenza stampa avvertendo che potrebbe succedere qualcosa di molto più concreto: «Vorremmo attirare la vostra attenzione sul fatto che in caso di proseguimento dello sviluppo negativo della situazione relativa al bombardamento della centrale nucleare da parte dell’Ucraina, la questione di mettere le unità 5 e 6 in “cold reserve”, con conseguente chiusura della centrale nucleare di Zaporozhye».

207 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria