Mercoledì, 22 novembre 2017 - ore 23.05

lodi - Arrestato pusher 20enne ed espulso un 19enne socialmente pericoloso

Personale della Polizia di Stato della Questura di Lodi con il supporto del Reparto Prevenzione Crimine Lombardia, ha fermato nei pressi della stazione ferroviaria di Casalpusterlengo (LO) due extracomunitari che destavano sospetto agli agenti. Uno dei due, K M. K.E. K. 20enne residente a Casalpusterlengo, mostrava subito un atteggiamento agitato e teneva una mano nella tasca posteriore dei...

| Scritto da Redazione
lodi - Arrestato pusher 20enne ed espulso un 19enne socialmente pericoloso

Casalpusterlengo (LO) due extracomunitari che destavano sospetto agli agenti. Uno dei due, K M. K.E. K. 20enne residente a Casalpusterlengo, mostrava subito un atteggiamento agitato e teneva una mano nella tasca posteriore dei pantaloni in modo molto strano. Infatti nascondeva due panetti di hashish. Altri grammi di droga sono stati trovati nella tasca del gilet, per un totale di oltre due etti. L’amico che era con lui invece non aveva droga con sé. Entrambi erano privi di documenti di identità e di permesso di soggiorno. Quindi venivano condotti presso gli uffici della Questura di Lodi per le procedure di identificazione. Una volta accertato dal G.P.P.S. che si trattava di sostanza stupefacente, il 20enne è stato condotto presso la Casa Circondariale di Lodi in stato di arresto. Ieri mattina, nel processo per direttissima in tribunale a Lodi, il giudice ha convalidato l’arresto, imponendo allo straniero l’obbligo di firma due volte a settimana presso la Polizia Giudiziaria. Nel processo dovrà rispondere di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale, in quanto, nel corso degli accertamenti, ha mostrato ripetutamente un atteggiamento non collaborativo ed aggressivo nei confronti degli operatori. L’amico, A.K.A.A. O. 19enne residente anch’egli a Casalpusterlengo, che era entrato in Italia quand’era minorenne è stato espulso poichè ritenuto socialmente pericoloso. A suo carico risultano episodi di rissa e tentato omicidio in concorso avvenuto a Rimini. Il giovane è stato così trasferito presso il centro di identificazione ed espulsione di Caltanisetta.

762 visite

Articoli della stessa categoria