Martedì, 24 novembre 2020 - ore 04.36

PUNTO CREMONESE: Una Cremonese mai doma torna dal Salento con un buon pareggio

finisce 2-2 contro il Lecce, doppio vantaggio per i grigiorossi nella parte finale del primo tempo che si fanno raggiungere nei primi 15' del secondo. Buona prova in vista del derby di domenica con il Brescia.

| Scritto da Redazione
PUNTO CREMONESE: Una Cremonese mai doma torna dal Salento con un buon pareggio

 

Buon pareggio per i grigiorossi al Via del Mare di Lecce, in vantaggio di due reti nel primo tempo, si fa riprendere da un Lecce che si conferma una delle squadre più attrezzate per la promozione diretta nella massima categoria.

La Cremonese scende in campo con Volpe tra i pali a sostituire il convalescente Alfonso, a sinistra Fiordaliso fa rifiatare Valeri, mentre in attacco Strizzolo prende il posto di Ciofani. Confermati Bianchetti, Ravanelli e Crescenzi sulla linea difensiva, Valzania, Gustafson e Deli sua mediana, Gaetano dietro le punte e Ceravolo in avanti.

Il Lecce si schiera un 4-3-1-2 con Gabriel in porta, Adjapong , Dermaku, Lucioni e Zuta sulla linea difensiva, Tachsidis davanti alla difesa con Majer ed Henderson a dare da supporto a Litskowski. Davanti l’ex Coda e Falco preferiti a Stepinski e Pettinari (oltre che all’indisponibile Mancosu), il che la dice lunga sulla caratura di questa formazione.

I salentini partono forte, intenzionati a fasi perdonare lo scivolone di Brescia, ma sono i grigiorossi che al 10’ con Ceravolo hanno la prima vera occasione della partita con Dermaku che devia in angolo li suo tiro diretto verso la porta. Partita combattuta con due squadre che si affrontano a viso aperto.

Al 20’ Listkowski è costretto a lasciare il campo per infortunio a favore dell’ex Frosinone Paganini, al 30’ il vantaggio dei grigiorossi: Gaetano si guadagna una punizione centrale poco fuori dall’area salentina che trasforma in gol grazie anche ad una deviazione della barriera che beffa l’estremo difensore giallorosso.

Il Lecce non fa a tempo a ricomporre le fila che arriva il raddoppio della Cremonese con Valzania che, lasciato colpevolmente libero di recuperare una pala da una rimessa laterale, da fuori area infila con un tiro a giro nell’angolino basso alla destra dell’incolpevole Gabriel. La reazione dei Lecce è rabbiosa, ma i ragazzi di Bisoli tengono botta fino al duplice fischio che sancisce la fine del primo tempo che vede i grigiorossi in vantaggio per 2-0.

Il rientro è traumatico per gli uomini di Bisoli, il Lecce da ulteriore peso all’attacco sostituendo Majer con Stepinski ed al 47' i locali dimezzano le distanze con Dermaku, che nell’assalto all’arma bianca,  para in porta un pallone recuperato in area non lasciando scampo all’incolpevole Volpe.

Scorrono i minuti, i salentini si fiondano sulle fasce per poi convergere al centro alla ricerca dei tre attaccanti accampati quasi costantemente in area grigiorossa, la Cremo resiste, ma i cartellini gialli di Gustafson e Fiordaliso fanno accendere un campanello d’allarme nella testa di Bisoli che al 56’ richiama in panchina Strizzolo, piuttosto evanescente la su prova e Ceravolo che invece ha lottato su tutto il fronte offensivo, al loro posto Bonaiuto e Ciofani.

Al 64’ le nuvole minacciose che presagivano guai in area grigiorossa si scaricano in un lampo di Coda che quando vede grigiorosso timbri sempre il cartellino di marcatore. Stavolta lo fa con un tiro forte ed imparabile a pochi passi da Volpe a cui non resta che raccogliere la palla dalla rete per il 2-2.

La Cremo capisce che è un momento cruciale della gara, i salentini spostano in modo deciso il loro baricentro in avanti alla ricerca del colpo del ko, lasciando spazi per pericolose ripartenze  grigiorosse. 

Al 21’ occasione su calcio d’angolo Terranova si vede deviare il colpo di testa a colpo sicuro da Gabriel, Ciofani e Valzania sulla ribattuta non hanno miglior sorte e sfuma cosi’ una ghiotta possibilità di tornare in vantaggio. Passano due minuti e Bonaiuto pennella sulla testa di Ciofani un cross al bacio che il centravanti colpisce sovrastando il suo diretto avversario, Gabriel compie il secondo miracolo e devia sopra la traversa.

AL 70’ Valeri prende il posto di Crescenzi, mentre Castagnetti rileva uno spento Deli; le azioni si susseguono con veloci cambi di fronte, il Lecce cerca a tutti i costi la vittoria e la Cremo cerca di beffarlo con veloci ripartenze.

Al 78’ Bonaiuto perde maldestramente palla appena fuori dall’area, Falco la recupera e serve Stepinski che calcia fortunatamente alto da ottima posizione, nella fase finale della gara per i locali entrano  anche Pettinari, Bjorkengren e Calderoni, fuori Coda, Zuta e Falco. Per la Cremo finalmente esordio in campionato di Zortea rileva Valzania, autore di un’ottima prestazione.

Quando la partita sembra doversi chiudere in un avvincente pareggio, in pieno recupero Paganini di testa da due passi dalla porta colpisce a botta sicura, ma deve fare i conti con un super-Volpe che compie una parata pazzesca e salva il risultato.

Un risultato giusto per quanto vito n campo, una partita che entrambe le squadre avrebbero potuto vincere, il Lecce ha attaccato di più, ma la Cremonese ha sicuramente avuto più occasioni nitide per vincere. Un altro passo avanti per i ragazzi di Bisoli, una gran prova di carattere e compattezza, Volpe ha ancora una volta salvato il risultato, la difesa, a parte la prova di Fiordaliso che da centrale è stato dirottato sulla fascia, ha comunque tenuto bene la pressione dell’attacco ‘panzer’ del Lecce. A centrocampo ha deluso Deli che ha sofferto molto il clima da battaglia in cui si è ritrovato, mentre Gustafson vi si è calato a spada sguainata, a cui si è affiancato il Valzania  che tanto ci ha entusiasmato nel finale della scorsa stagione.

Se Gaetano, seppur a sprazzi, si conferma pedina fondamentale dell’attacco grigiorosso, Strizzolo delude sul fronte offensivo, mentre Ciofani e Ceravolo fanno un’ottima partita, con occasioni da gol e gran movimento, ma senza trovare il gol.

Bisoli nel post-partita si dice amareggiato per il risultato, ma soddisfatto per la gara e per la reazione dei suoi ragazzi dopo avere subito la doppia rimonta, predica calma e pazienza ma promette una Cremonese da battaglia.

Domenica sera allo Zini il derby con il Brescia, una partita doppiamente importante, visto che a questo punto la vittoria è d’obbligo e darebbe merito al lavoro ed alla crescita di questo gruppo.

Nelle altre gare della giornata giocate martedì, si conferma in vetta il Cittadella vincente contro il Pordenone di Tesser, a condividerne il podio con 10 punti l'Empoli che vince in casa in rimonta contro la Spal.

La Salernitana  pareggia a Vicenza e segue ad 8 punti, subito dietro Venezia, Chievo e Frosinone a 7 punti. I lagunari travolgono il Pescara, ultimo in classifica, per 4-0, il Chievo batte in casa il Brescia, prossimo avversario dei grigiorossi, per 1-0, mentre il Frosinone viene fermato in casa dalla V. Entella per 0-0.

A 6 punti la Reggina che pareggia a reti inviolate nel derby contro il Cosenza, mentre la Reggiana rimedia una sconfitta di misura 2-1 ad Del Duca di Ascoli.

Pareggio 1-1 tra Pisa e Monza, che sta trovando molte difficoltà in questo inizio di campionato anche a causa dei casi positivi di coronavirus che hanno causato il rinvio della partita Monza-Vicenza.

SERIE B 2020-2021

4° giornata

LECCE-CREMONESE 2-2  (0-2) 

RETI: 30′ Gaetano (C), 34′ Valzania (C), 47′ Dermaku (L), 64' Coda (L).

 

 

LECCE (4-3-1-2): Gabriel,  Adjapong, Dermaku, Lucioni, Zuta (87′ Calderoni),  Henderson, Tachtsidis, Majer (45′ Stepinski), Listkowski (20′ Paganini), Falco (79′ Bjorkengren), Coda (79′ Pettinari).

A disposizione.: Bleve, Vigorito, Meccariello, Rossettini, Monterisi, Maselli, Felici.

Allenatore.: Eugenio Corini

 

CREMONESE (4-3-1-2): Volpe, Fiordaliso, Ravanelli, Terranova, Crescenzi (69′ Valeri),  Valzania (88′ Zortea), Gustafson, Deli (69′ Castagnetti),  Gaetano, Ceravolo (56′ Buonaiuto), Strizzolo (56′ Ciofani).

A disposizione.: De Bono, Zaccagno, Nardi, Bia, Schirone, Pinato, Celar.

Allnatore.: Pierpaolo Bisoli

AMMONITI: Terranova (C), Strizzolo (C), Fiordaliso (C), Gustafson (C), Castagnetti (C)

ANGOLI: 10 (L)-6 (C)

RECUPERI: 1′ (1t),  3′ (2t)

ARBITRO: Sig. Daniele Paterna della sezione di Teramo Assistenti: Sig. Rodolfo di Vuolo di Castellammare di Stabia e il Sig. Antonio Vono di Soverato. Quarto uomo: Sig. Federico Dionisi dell’Aquila

 

CLASSIFICA

 

Squadra

PT

G

Cittadella

10

4

Empoli

10

4

Salernitana

8

4

Venezia

7

4

Chievo Verona

7

4

Frosinone

7

4

Reggina

6

4

Lecce

5

4

Reggiana

4

4

Cosenza

4

4

Brescia

4

4

Ascoli

4

4

Monza

3

3

Spal

3

4

Pordenone

3

4

Cremonese

3

4

Virtus Entella

3

4

Pisa

3

4

L.R. Vicenza

2

3

Pescara

1

4

 

 

 -Gazzaniga Daniele-

322 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria