Sabato, 16 gennaio 2021 - ore 13.12

PUNTO CREMONESE: Mister Bisoli mischia le carte e Strizzolo regala la prima vittoria contro L’Entella

In uno Zini che più che un campo di calcio assomiglia ad un catino d'acqua, finalmente si rivede la Cremonese tutta cuore e muscoli della scorsa stagione.

| Scritto da Redazione
PUNTO CREMONESE: Mister Bisoli mischia le carte e Strizzolo regala la prima vittoria contro L’Entella

CREMONESE-VIRTUS ENTELLA 2-0  (P.T. 2-0) 

RETI: 15′ Strizzolo (C), 31′ Strizzolo (C)

 

CREMONESE (4-2-3-1): Alfonso; Bianchetti, Terranova, Fornasier, Valeri; Valzania, Gustafson; Pinato, Deli, Buonaiuto; Strizzolo.

A disposizione: Volpe, Zaccagno, Bia, Fiordaliso, Zortea, Castagnetti, Gaetano, Ghisolfi,Nardi, Ciofani, Ceravolo, Celar.

Allenatore: P. Bisoli

VIRTUS ENTELLA (4-3-1-2): Borra; De Santis, Coppolaro, Poli, Crimi; Settembrini, Paolucci, Toscano; Schenetti; Brunori, De Luca.

A disposizione: Paroni, Cleur, Bonini, Nizzetto, Currarino, Cardoselli, Mazzocco, Nagy, Morosini, Petrovic, Koutsoupias, Pavic.

Allenatore: A. Milani 

ARBITRO: Sig. Alberto Santoro della sezione di Messina (Assistenti: Sig. Stefano Alassio di Imperia e il Sig. Andrea Zingarelli di Siena. Quarto uomo: Sig. Daniel Amabile di Vicenza)

Diluvia su Cremona e lo Zini si trasforma in un vero e proprio catino d’acqua. Bisoli cambia modulo, ma sopratutto sostituisce ben 6 giocatori su 11 della formazione di partenza scesa in campo domenica a Reggio Emilia.

In un’inedito 4-3-2-1 trovano posto in difesa accanto al capitano Terranova e Bianchetti, Fornasier, al suo debutto in campionato e Valeri che vanno a sostituire Ravanelli e Zortea, a centrocampo oltre a Valzania rientra Deli, Gustafson viene preferito a Castagnetti; Pinato e Bonaiuto sostituiscono Gaetano e Celar mentre Strizzolo prende il posto di Ciofani come prima ed unica punta.

Una formazione che più che all’avversario, cerca di adattarsi al pesante campo di gioco, i quattro difensori per ridare solidità alla difesa, la fisicità di Valzania e Gustafson davanti alla difesa ed un centrocampo veloce e mobile con Deli a supporto dell’unica punta Strizzolo e Bonaiuto con Pinato sulle fasce.

PRIMO TEMPO:

Parte bene L’Entella che con Schenetti, subito dopo il fischio iniziale, sfiora il gol che gli viene negato dalla parata di Alfonso.

La Cremonese non appare intimorita ed aggredisce l’avversario a centrocampo per guadagnare spazio e per ripartire veloce.

Al 13’ Bonaiuto fa partire il primo tiro in porta della Cremonese, che Borra intercetta, imprecisa la ribattuta di Valzania che finisce fuori.

Al 15’ vantaggio della Cremonese con Strizzolo che raccoglie una palla vagante in area e da pochi passi insacca la rete dell’ 1-0.

L’Entella si fa sotto e sfiora il pareggio con De Luca al 20’ a cui non riesce la deviazione sotto porta, successivamente è De Santis che prova con un tiro da 30 metri che si perde sul fondo.

Al 31’ il raddoppio dei grigiorossi ancora con Strizzolo che prima si fa parare il colpo di testa da pochi passi, per poi insaccare alle spalle di Borra la rete del 2-0.

L’Entella sembra aver incassato il colpo e dopo aver sfiorato il gol del 2-1 con Poli, ringrazia il palo per aver negato a Bonaiuto il gol del 3-0.

Finisce il primo tempo dopo un minuto di recupero sul 2-0 a favore dei grigiorossi.

 

SECONDO TEMPO:

L’Entella sostituisce Schenetti e De Santis con Morosini e Cleur.

I liguri partono all'attaccacco decisi a recuperare il risultato, ma è Bonaiuto al 50’ che sbaglia colpevolmente il gol del 3-0 a tu per tu con Borra, mettendola a lato un soffio. Bisoli si infuria, mentre gli ospiti prendono coraggio.

Ora la Cremonese è alle corde, appare stanca , il centrocampo fatica a contenere gli assalti degli avversari che più volte si fanno vedere pericolosamente dalle parti di Alfonso.

Al 60’ l'Entella accorcia le distanze,  Valzania nel tentativo di coprire la palla che Alfonso stava cercando di far sua, la tocca di petto e la appoggia alle spalle dell’estremo difensore grigiorosso, per il più classico degli autogol.

Al 67’ un gran tiro da fuori area sfiora il palo di pochi centimetri. Bisoli cerca di inserire forze nuove a centrocampo e mette dentro Gaetano e Fiordaliso al posto di Buonaiuto e Deli.



Al 70’ sono ancora gli ospiti che sfiorano il gol del pareggio con De Luca che si vede murare il tiro da Alfonso, sulla ribattuta Brunori, praticamente a porta vuota, calcia fuori.



Bisoli si gioca l’ultimo cambio richiamando un Gustafson stremato, per fare posto a Castagnetti, ma pochi minuti dopo sembra che la sorte non ne voglia sapere di dare una mano ai grigiorossi. Fornasier rimane a terra e deve lasciare il campo per un problema muscolare, lasciando la Cremonese in 10 per l’ultimo quarto d’ora di gara.

Bisoli ridisegna il modulo in un 4-3-1-1 non sfugge ai microfoni il suo incitamento alla squadra per portare a casa questa vittoria: “voglio 10 animali in campo!”, più chiaro di cosi...

La Cremonese sembra aver capito l’importanza di tener lontano gli avversari dalla propria area e spazza ogni pallone a ridosso dei propri 11 metri per poi difenderlo con i denti nella trequarti avversaria.

L’Entella negli ultimi minuti paga la stanchezza accumulata dovuta allo stato del campo ed all’intensità di gioco generata nei secondi 45’.

Neppure i 5’ di recupero riusciranno a negare la prima vittoria dei grigiorossi in questo campionato. Una partita tutta cuore e muscoli, il cui risultato è sicuramente stato determinato da un modulo adattato più ad un campo al limite della praticabilità, che all'avversario di turno.

La Cremonese chiude la partita con 9 tiri fatti di cui 6 nello specchio della porta avversaria contro i 12 tiri dei liguri con 3 sole conclusioni tra i pali difesi da Alfonso.

20’ di possesso palla contro i 26’ degli avversari, tante palle recuperate ma anche tante palle perse, ben 19.

E’ parso evidente da subito che inserire dal primo minuto Pinato e Bonaiuto alle spalle dell’unica punta Strizzolo, abbia dato più velocità e concretezza all’attacco grigiorosso, obbligando gli avversari a rincorrere per tutta la gara.



Una gara di carattere e determinazione che ha ricordato la Cremonese della scorsa stagione, una prestazione che fa ben sperare anche e sopratutto per aver confermato la compattezza del gruppo e la volontà di uscire da una situazione molto pericolosa.

Finalmente abbiamo visto un Alfonso determinante e sicuro tra i pali della porta grigiorossa, una difesa che nel primo tempo ha concesso pochissimo agli avversari, almeno fino all’infortunio di un ottimo Fornasier. Valzania, autorete a parte, ha lottato come un leone, Gustafson con la sua fisicità ha fatto da diga davanti alla difesa, mentre Pinato, Deli e Bonaiuto hanno dato prova di poter dare il supporto necessario ad uno Strizzolo implacabile.

L’Entella ha pagato un primo tempo sottotono, più per merito dei ragazzi di Bisoli che per demerito dei bianco celesti, il resto l’ha fatto un campo da cui entrambe le squadre sono uscite stremate.

Ora parola al derby di martediallo Zini contro il Brescia, sarà importante recuperare energie fisiche e mentali ed affrontare un’altra gara importantissima in cui servirà la determinazione e l’umiltà che si è vista oggi.

 

-Gazzaniga Daniele-

347 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria