Martedì, 07 dicembre 2021 - ore 17.09

L’onda di migranti che preme alla frontiera tra Bielorussia e Polonia

L’onda di migranti che preme alla frontiera tra Bielorussia e Polonia

| Scritto da Redazione
L’onda di migranti che preme alla frontiera tra Bielorussia e Polonia

Al confine tra Bielorussia e Polonia, a Kuznica, terra di mezzo, ci sono centinaia di migranti arrivati a piedi per trovare asilo politico a Varsavia. Ma i militari gli hanno impedito l’accesso, sostenuti dal ministro della Difesa Mariausz Blaszczak che ha detto “Siamo pronti a difenderci”. Lungo la frontiera sarebbero già pronti ad intervenire migliaia di soldati, mentre ancora il comitato per la gestione delle emergenze del governo polacco è riunito per decidere il da farsi. La notizia degli arrivi era già stata anticipata dalle autorità di frontiera bielorusse, che su Telegram avevano parlato di “Un grande gruppo di rifugiati, che portano con loro i loro effetti personali, si sta spostando verso il confine polacco lungo un’autostrada”.

 

I migranti in questione sono arrivati al confine per tentare di entrare attraverso la zona a sud del passaggio della frontiera. “Cercheranno di entrare in Polonia in massa”, ha avvertito sui social Stanislaw Zaryn, portavoce dei servizi di sicurezza polacchi, corredando le sue parole con un video che riprende un grosso gruppo di migranti che si muove sull’autostrada (ora chiusa al traffico) tra le due nazioni. Secondo Zaryn si tratterebbe dell’ennesima trovata del regime bielorusso contro la Polonia.

 

Anche l’attivista e politica Tsikhanouskaya ha condiviso il suo contributo video per denunciare la durezza con cui i migranti vengono respinti al confine da uomini armati. “Il traffico di migranti, la violenza e i maltrattamenti devono cessare. È necessaria una risposta forte”, dice.

Tuttavia non è ancora noto il numero esatto di persone ammassate al confine. Alcune fonti parlano di mille persone, altre di un massimo di cinquecento. Una situazione che preoccupa anche i vicini paesi Baltici, portando il ministro dell’Interno lituano, Agne Bilotaite, a invocare lo stato di emergenza perché la situazione comincia a farsi davvero allarmante.

Non aiuta l’indifferenza e la violenza con cui le autorità polacche si rapportano ai migranti. L’Unione Europea, intanto, si è limitata ad accusare la Bielorussia di favorire e incoraggiare flussi così consistenti di migranti illegali verso il suo territorio, come “ripicca” per le sanzioni ricevute. Alexander Lukashenko, leader bielorusso sostenuto dalla Russia, ha sempre negato di avere queste intenzioni.

In ogni caso, per ora, non si vedono concreti provvedimenti all’orizzonte da parte dell’UE, nonostante uno dei portavoce abbia detto che “negli ultimi tempi Varsavia ha riferito di 3mila attraversamenti illegali del confine ogni settimana. Si tratta della continuazione del disperato tentativo del regime di Lukashenko di usare le persone per destabilizzare l’Ue. Noi rigettiamo ogni tentativo di strumentalizzare l’immigrazione per obiettivi politici”.

La Polonia continua a negare l’accesso alla frontiera ai media e alle Ong, respingendo allo stesso modo gli appelli delle organizzazioni umanitarie che chiedono al paese di lasciar entrare i migranti. “Il confine polacco non è solo una linea su una mappa”, ha dichiarato il premier polacco, Mateusz Morawiecki, “il confine polacco è sacro, per esso è stato versato sangue polacco”.

La situazione lungo il confine tra Bielorussia e Polonia è tesa già da quest’estate. Da allora migliaia di persone tentano di attraversare il confine. Le autorità, in risposta, spiano i telefoni, compresi quelli dei giornalisti per localizzare più in fretta i profughi. Al momento, nessuno se ne occupa, se non le Ong che lottano per fornire sostegno e ottenere informazioni.

(Gloria Ferrari, L’Indipendente cc by nc nd)

347 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria