Domenica, 02 ottobre 2022 - ore 18.45

Pakistan, Amnesty denuncia cento impiccagioni in quattro mesi

David Griffiths: "Dimostrazione di completo disprezzo per la vita umana da parte delle autorita'"

| Scritto da Redazione
Pakistan, Amnesty denuncia cento impiccagioni in quattro mesi

Il 28 aprile 2015 il Pakistan ha raggiunto il vergognoso primato di 100 impiccagioni da quando, il 17 dicembre 2014, all’indomani della strage dei talebani in una scuola di Peshawar, è stata sospesa la moratoria sulle esecuzioni. Il Pakistan si accinge a diventare uno dei principali esecutori di condanne a morte al mondo.

“Le autorità pakistane stanno mostrando un completo disprezzo per la vita umana. In più, in molti casi, le condanne a morte sono state emesse al termine di processi irregolari. Questa catena della morte non serve a niente per affrontare alla radice le cause della criminalità e del terrorismo” – ha dichiarato David Griffiths, vicedirettore del programma Asia e Pacifico di Amnesty International.

“Le esecuzioni sono diventate ormai quasi quotidiane. Se il governo non ripristinerà la moratoria, non abbiamo idea di quante saranno alla

fine dell’anno” – ha aggiunto Griffiths. “Crimini gravi come gli omicidi e gli atti di terrorismo vanno condannati senza riserve ma uccidere in nome della giustizia non ha un particolare effetto deterrente. Chi commette quei crimini va processato con procedure eque e senza ricorso alla pena di morte” – ha sottolineato Griffiths.

Tra le migliaia di prigionieri a rischio di esecuzione c’è anche Shafqat Hussein, che secondo il suo avvocato era minorenne al momento del processo e che avrebbe confessato sotto tortura.

Fonte: Amnesty International

1268 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria