Martedì, 02 giugno 2020 - ore 03.46

Obama contro Trump: ''Non sa quello che fa''

L'ex Presidente ha parlato in un intervento online alla cerimonia di laurea degli studenti afroamericani.

| Scritto da Redazione
Obama contro Trump: ''Non sa quello che fa''

Barack Obama, precedessore di Donald Trump alla Casa Bianca, ha interrotto la tradizione di non parlare dei propri successori e ha aspramente criticato l'amministrazione del Tycoon soprattutto in questo periodo in cui tutti i governanti sono stati messi a dura prova dalla pandemia di coronavirus. Secondo Obama l'emergenza ha messo in evidenza ancora di più tutti i difetti e l'inadeguatezza di Trump.

Nel suo videomessaggio agli studenti Obama ha detto chiaramente:"Questa pandemia alla fine ha completamente alzato il sipario sul fatto che tantissimi uomini al comando non sanno cosa fare. E molti di loro non fingono nemmeno"

Non ha nominato direttamente Trump né i suoi uomini, ma a tutti è parso lampante il riferimento al suo successore allo Studio Ovale.

Nel frattempo gli Stati Uniti hanno registrato altre 1224 vittime e 25.060 nuovi casi di coronavirus. Il totale delle persone contagiate, dunque, sale ad almeno 1.467.884 e il totale dei morti ad almeno 88.754.

Gli Stati Uniti restano dunque il Paese con più contagi al mondo, anche se un altro grande Stato in questi ultimi giorni sta vedendo salire drammaticamente la curva epidemiologica: si tratta del Brasile, che ormai, con 233.142 persone contagiate, ha superato Spagna e Italia ed è il quarto per numero di contagi dietro Usa, Russia e Gran Bretagna.

236 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

La caduta 1953-1989. Dalla morte di Stalin al crollo del Muro

La caduta 1953-1989. Dalla morte di Stalin al crollo del Muro

Il 2019 ha segnato il trentesimo anniversario degli avvenimenti che cambiarono l’Europa e il mondo. Proteste pacifiche, tavole rotonde, la rivoluzione di velluto in Cecoslovacchia o quella cantata dei paesi baltici, ma anche la destituzione violenta e l’assassinio del dittatore rumeno Ceaușescu e di sua moglie, misero il punto a quarant’anni di socialismo reale nei paesi dell’Europa centro-orientale. Tuttavia, ribaltando un famoso proverbio facente riferimento alla costruzione di Roma, si potrebbe dire che questi regimi non siano crollati in un giorno.