Martedì, 27 settembre 2022 - ore 16.06

Coltivare atrocità. Come una multinazionale ha finanziato una brutale milizia armata

Il gigante francese dello zucchero e delle bevande Groupe Castel coinvolto nel finanziamento dell’UPC nella Repubblica Centrafricana

| Scritto da Redazione
Coltivare atrocità. Come una multinazionale ha finanziato una brutale milizia armata

Il gigante francese Groupe Castel è il terzo produttore di vino al mondo, il secondo produttore di birra in Africa e uno dei principali partner per l’imbottigliamento di Coca-Cola in Africa. Un impero alimentare e delle bevande a conduzione familiare con circa 240 filiali in 50 paesi, Castel Group genera miliardi di entrate ogni anno. Da quasi 20 anni, Castel Group gestisce la Sucrerie Africaine de Centrafrique (SUCAF RCA) nella Repubblica Centrafricana dilaniata dalla guerra, un Paese che nel 2020 si è classificato 188esimo su 189 nella Indice di sviluppo umano.

Però, il rapporto “Cultivating Atrocities/Culture de la violence”, pubblicato dall’ONG The Sentry denuncia che «Dietro le quinte, tuttavia, una controllata di Castel Group ha condotto affari con gruppi armati violenti responsabili di atrocità di massa al fine di proteggere le proprie quote di mercato».

Secondo l’indagine di The Sentry, alla fine del 2014, mentre la Repubblica Centrafricana era in preda a sconvolgimenti politici e scontri tra milizie, SUCAF RCA ha negoziato un accordo di sicurezza con un gruppo armato, l’Unité pour la paix en Centrafrique (UPC) e «Attraverso questo tacito accordo, i leader dell’UPC si sono impegnati a garantire la fabbrica di SUCAF RCA e i campi di canna da zucchero e ad assicurare la libera circolazione sulle strade essenziali necessarie per la fornitura di rifornimenti. La SUCAF RCA si è anche assicurata il sostegno dell’UPC nel tentativo di garantire il monopolio dell’azienda sulla distribuzione dello zucchero in diverse prefetture, anche attraverso il sequestro forzato di zucchero di contrabbando, in particolare proveniente dal Sudan».

Il rapporto rivela che «Per proteggere il suo mercato, SUCAF RCA ha istituito un sofisticato sistema informale per finanziare le milizie violente attraverso pagamenti in contanti diretti e indiretti, nonché attraverso il supporto in natura sotto forma di manutenzione dei veicoli e forniture di carburante». Questo tacito accordo tra le milizie UPC e SUCAF RCA e UPC sarebbe stato attivo fino a marzo 2021, ma ora su gran parte del territorio precedentemente controllato dall’UPC sono state dispiegate forze governative e russe.

The Sentry ricorda che «Fin dalla loro creazione alla fine del 2014, le milizie dell’UPC, guidate dall’autoproclamato generale Ali Darassa, hanno commesso uccisioni di massa, rapimenti, torture, reclutamento di bambini soldato e violenze sessuali e di genere». Secondo l’Onu, le milizie dell’UPC hanno commesso atrocità di massa che potrebbero costituire crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Nel novembre 2018, l’UPC ha sferrato un brutale attacco a un campo profughi di Alindao, doveve vivevano di 18.000 sfollati, massacrando almeno 112 civili, la maggior parte dei quali donne e bambini. L’inchiesta di Sentry dimostra che «Sia il leader dell’UPC Darassa che il suo numero due al momento dell’attacco ad Alindao, Hassan Bouba, sono responsabili del massacro. Sentry fa notare che, al momento del massacro l’accordo finanziario dell’UPC con SUCAF RCA era in pieno vic gore e che vedeva come principali beneficiari proprio Darassa e Bouba.

Negli ultimi due anni il team investigativo di The Sentry e<è stato più volte in RCA, Camerun e Francia per esaminare numerosi documenti e altre prove e ha intervistato decine di persone con una conoscenza diretta dei fatti e delle dinamiche descritte nel rapporto, tra cui testimoni di esazioni dell’UPC, membri di gruppi armati e persone a conoscenza diretta degli accordi tra SUCAF RCA e gruppi armati, in particolare l’UPC. The Sentry conclude che il suo rapporto «Dimostra che le controllate di Groupe Castel, SUCAF RCA e la sua società madre con sede a Parigi Société d’Organisation de Management et de Développement des Industries Alimentaires et Agricoles, nonché L’appaltatore della sicurezza della SOMDIAA, il generale francese in pensione Bruno Dary, sono stati regolarmente informati delle gravi violazioni dei diritti umani commesse dall’UPC. L’indagine ha rilevato che, nonostante questa conoscenza, la direzione della SUCAF RCA ha comunque fornito supporto finanziario e logistico ai gruppi criminali, principalmente ma non esclusivamente all’UPC, per più di 6 anni, contribuendo così ad alimentare il conflitto armato nella Repubblica Centrafricana».

Nelle raccomandazioni finali The Sentry chiede di ritenere le filiali del Groupe Castel e i loro amministratori delegati responsabili della potenziale complicità in crimini di guerra e crimini contro l’umanità:

La procura nazionale antiterrorismo francese dovrebbe avviare un’indagine urgente sulla potenziale complicità e responsabilità penale delle sussidiarie del Groupe Castel, principalmente, ma non esclusivamente, la SOMDIAA con sede a Parigi e la SUCAF RCA con sede in RCA, in crimini di guerra e crimini contro l’umanità, nonché come previsto dal codice penale francese. Sulla base dei risultati del rapporto, l’ufficio del procuratore francese dovrebbe anche indagare sul deliberato pericolo per la vita dei dipendenti della SUCAF RCA, nonché su qualsiasi altro reato economico e finanziario per il sequestro e il contrabbando di zucchero.

Gli uffici del pubblico ministero della Corte penale internazionale, e della Corte penale speciale dell’Africa centrale, dovrebbero intraprendere una revisione urgente delle prove presentate in questo rapporto e aprire un’indagine sui presunti crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi dall’UPC e i loro facilitatori, in particolare SOMDIAA e SUCAF RCA, nel contesto di una rinnovata violenza in RCA a partire dal dicembre 2012. L’ICC e l’SCC dovrebbero invitare alla cooperazione tra attori internazionali e nazionali e affrontare più direttamente le loro motivazioni finanziarie che alimentano le atrocità di massa nel conflitto nella RCA.

Le società, le partecipazioni e gli azionisti che costituiscono l’impero commerciale di Pierre Castel dovrebbero immediatamente divulgare alle autorità competenti tutto il materiale in loro possesso connesso a questo rapporto e intraprendere un’indagine aperta e trasparente sui presunti legami tra le loro attività e il conflitto armato in Repubblica centrafricana. Le società interessate e i rispettivi consigli di amministrazione dovrebbero inoltre avviare con urgenza un audit completo di due diligence sui diritti umani e anticorruzione delle loro operazioni in Africa centrale attraverso una terza parte esterna.

Le autorità di contrasto dell’Africa centrale dovrebbero avviare un’indagine urgente sulla potenziale responsabilità penale che deriva da questo rapporto, in particolare in riferimento ai crimini di guerra e ai crimini contro l’umanità perpetrati da Ali Darassa e dall’attuale ministro dell’allevamento dell’Africa Centrale Hassan Bouba, e collaborare con altri autorità giudiziarie in merito alla potenziale complicità delle controllate del Groupe Castel, SOMDIAA e SUCAF RCA, in crimini di guerra e crimini contro l’umanità.

L’Onu, l’Unione europea, gli Stati Uniti e il Regno Unito dovrebbero indagare e, se nel caso, designare per le sanzioni la rete di individui ed entità collegati alle filiali del Groupe Castel evidenziate in questo rapporto che presumibilmente stanno alimentando atrocità di massa e traggono profitto dalla cattura dello stato nella RCA. Le autorità dovrebbero cercare di tracciare i beni connessi ai proventi di questa attività e, ove identificati, perderli e fornirli come  risorse per scopi di sviluppo.

242 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria